Da 19 marzo 2009 0 commenti Leggi tutto →

Esami e controlli pre-concepimento

ADV

La decisione di avere un figlio si rimanda per anni, poi scatta qualcosa e si sente con chiarezza il desiderio di maternità. “Non pensi sia arrivato il momento di avere un bambino?!” si sussurra parlando con il proprio partner, e quasi nello stesso istante compare la speranza che accada in fretta. E allora prima di concepire un bambino è bene sottoporsi ad alcuni semplici controlli, che sono per lo più gratuiti, ma che devono essere prescritti dal medico di base. Questi controlli permettono di individuare eventuali situazioni cliniche e di intervenire per evitare futuri problemi alla mamma e al bambino.

Per prima cosa rivolgersi a un professionista come l’ostetrica o il ginecologo di fiducia, che in base a un primo colloquio potrà già escludere la presenza di alcuni problemi e dare alcuni importanti consigli per il concepimento e la gestazione.

Ora passiamo in rassegna quello che è necessario controllare prima del concepimento:

Il peso. Va subito verificato se è normale. Un forte sovrappeso può influire negativamente sulla fertilità della donna e sulla salute del feto. Meglio, quindi, sottoporsi a una dieta prima della gravidanza.

La pressione. La pressione arteriosa è importante e deve essere curata se troppo alta (è considerato normale il range 80-130).

L’acido folico. È utile anche cominciare ad assumere acido folico prima del concepimento. Questa sostanza, infatti, aiuta a prevenire la malformazione del tubo neuronale nota come “spina bifida”, che si forma nei primissimi giorni di vita dell’embrione. Se assunto dopo il concepimento, quindi, l’acido folico non può avere nessuna efficacia preventiva.

Un esame del sangue. Con un semplice prelievo di sangue, poi, si verifica la presenza degli anticorpi contro rosolia, varicella, toxoplasmosi e si accerta se si è protette dal citomegalovirus che, se contratto durante la gravidanza, può essere pericoloso per il feto. Importante anche verificare gruppo sanguigno e fattore Rh di entrambi i genitori, ed escludere la presenza di infezioni da HIV ed Epatite B.

Una visita ginecologica. Un veloce pap-test permette di controllare il benessere della cervice uterina, mentre con il tampone vaginale è possibile scoprire eventuali infezioni locali nella donna, che possono essere facilmente curate, ma se trascurate possono interferire con il benessere del feto. La visita ginecologica consente, inoltre, di verificare la struttura del bacino, la corretta morfologia dell’apparato genitale e di escludere la presenza di malformazioni dell’utero o di fibromi

Altri controlli. Per prevenire il rischio di aborto spontaneo è bene verificare anche la presenza di malattie ereditarie come anemia mediterranea ed emofilia, e di altre patologie come l’ipertensione e di allergie. Se in famiglia ci sono casi di malattie genetiche è bene valutare l’eventuale rischio di trasmissione al bambino e rivolgersi a uno specialista per essere seguiti in modo adeguato. Se si assumono farmaci particolari, come quelli tiroidei per esempio, la terapia può essere modificata in modo che non interferisca con il concepimento e con lo sviluppo del feto. Fondamentale è, infine, cominciare subito a eliminare l’assunzione di fumo, alcol e droghe, molto dannosi per lo sviluppo del feto.

Ed infine l’aspetto psicologico non meno importante che ci consente di pensare e interrogarsi su cosa ci si aspetta dalla gravidanza e soprattutto dalla nuova vita familiare, che cambierà radicalmente con l’arrivo del bambino. Spesso viene trascurato, ma è un tassello fondamentale che merita attenzione, perché il malessere che può insorgere nella coppia o nella donna può rendere l’esperienza della maternità molto difficile. La prima cosa da fare, quindi, è informarsi presso amiche e conoscenti su quello che comporta l’arrivo di un figlio, su come cambiano la vita della coppia e gli spazi personali e su tutto quanto può essere utile per arrivare preparati e non farsi prendere dal panico o dallo sconforto quando, una volta passati la poesia e l’entusiasmo iniziali, subentrerà la naturale stanchezza.

Scrivi un commento