Da 24 luglio 2010 0 commenti Leggi tutto →

Gwyneth Paltrow e la depressione post partum

ADV

E’ di ieri la notizia che il premio oscar Gwyneth Paltrow abbia sofferto di depressione post partum. Ha scelto di raccontare la sua esperienza in una newsletter ai fan del suo sito, Goop.com, e lo ha fatto per aiutare le altre donne a riconoscere l’arrivo della malattia.

Quando Moses è venuto al mondo nel 2006 pensavo di vivere un altro momento di euforia come fu per la nascita di Apple. Invece è stato uno dei periodi più bui e dolorosi della mia vita. Per cinque mesi ho avuto quella che con il senno di poi ho capito essere la depressione post parto e da allora ho voluto saperne di più. Non soltanto da un punto di vista scientifico ed ormonale ma dal racconto di altre donne che ci sono passate”.

In realtà sembra che la Paltrow abbia già parlato di questa sua delicata e personale situazione in un’intervista fatta al settimanale “Donna Moderna” nel 2008. Nell’intervista dichiarava: “In quei momenti non ho mai pensato di rinunciare alla professione per i figli, anzi. Solo che mi sono svegliata un giorno e non mi sentivo più me stessa: ero distrutta, vedevo tutto nero, era come se il cervello e il corpo fossero completamente scollegati tra loro. Ne sono uscita con l’agopuntura, lo yoga e la ginnastica. È stata una brutta esperienza”.

A volte la nascita di un figlio non porta tutta quella felicità che si era immaginato di provare. E’ difficile per una donna ammettere di soffrire di depressione post partum perchè una mamma depressa non riesce a confidare a nessuno il proprio stato d’animo. Si sente inadeguata nei confronti del nuovo ruolo avvertendo risentimento nei confronti del piccolo nato perché gli assorbe tutte le energie.

Altri sintomi della depressione post partum sono: tristezza, irritabilità con il bimbo e con il partner, mancanza di energia, tendenza a mangiare in modo eccessivo, attacchi di panico, disturbi del sonno, completa mancanza di desiderio sessuale dopo sei mesi  dal parto.

Oggi sono tante le mamme che ne soffrono e che molto spesso non hanno attorno a loro persone che possano aiutarle. Ed è per questo che, qualsiasi sia il modo, l’importante è parlarne! Se poi a farlo è un personaggio pubblico, anche se solo forse per farsi pubblicità, non importa! L’importante è che il messaggio arrivi forte e chiaro! Voi cosa ne pensate?

Immagini:
maldisatira.wordpress.com
jewelry.about.com
babble.com

Scrivi un commento