I benefici dell’allattamento materno

ADV

Allattamento - materno

L’allattamento materno costituisce per il bambino nel primo anno di vita un vero e proprio bene primario.

Il latte materno ha infatti numerosi benefici .

Non solo nutre il piccolo ma lo protegge da alcune patologie infettive, ne migliora la crescita e lo sviluppo ed inoltre riduce la probabilità di incorrere in malattie croniche.

Bimbi più sani

Gli studi medici più recenti evidenziano tra i benefici dell’allattamento materno il risparmio economico sia per le famiglie – sappiamo bene quanto costa il latte artificiale – ma soprattutto in termini di spesa pubblica per il sistema sanitario nazionale.

Promuovere l’allattamento materno

Quest’anno è stato sancito un traguardo molto importante.

Per la prima volta le cinque Società Scientifiche Pediatriche Italiane più importanti: Società Italiana Pediatria (SIP), Società Italiana Neonatologia (SIN), Società Italiana di Gastroenterologia, Epatologia e Nutrizione Pediatrica (SIGENP), Società Italiana delle Cure Primarie Pediatriche (SICuPP) e Società Italiana Medicina Perinatale (SIMP) hanno condiviso e firmato un documento unico il Position Statement sull’Allattamento al seno e uso del latte materno/umano impegnandosi a promuovere in maniera coordinata l’allattamento materno.

Il sostegno alle mamme

Dopo il parto le donne sono più fragili.

Alcune donne riescono ad allattare subito altre hanno più difficoltà. In questi casi serve il sostegno non solo psicologico ma anche pratico per essere guidate ed assistete nella pratica dell’allattamento materno.

In questi casi servono percorsi sociali di sostegno alle donne che allattano, che non creino ostacoli a questa pratica in particolare quando le donne riprendono a lavorare.

La sostituzione del latte materno con quello artificiale nei casi in cui non è veramente necessario non reca benefici, anzi, così come dimostrano le ricerche scientifiche in tutto il mondo.

Quando smettere di allattare

Come non esiste un unico modo di allattare non esiste neanche il momento giusto per smettere .

Ci sono mamme che smettono di allattare al sesto mese prima di riprendere a lavorare. Chi dopo due anni e chi dopo tre o quattro anni. Ogni donna anche in questo caso ha possibilità di scegliere in base alle proprie esigenze e necessità.

Sappiamo bene che dopo i 2 anni l’allattamento materno diventa un’abitudine come il ciuccio ma ciascuna può scegliere liberamente quando toglierlo.

Articoli consigliati

Scrivi un commento