Da 6 luglio 2009 1 commento Leggi tutto →

I pannolini ecologici WIP

ADV

Abbiamo parlato più volte nel nostro blog di quanto inquinano i pannolini usa e getta e dell’importanza di usare pannolini lavabili, ecologici. Esistono tuttavia dei pannolini usa e getta prodotti con il PLA, che è una fibra in amido di mais. Si tratta di pannolini ipoallergenici, sostenibili, compostabili. I materiali sono privi di coloranti e trattamenti al cloro. La linea di cui vi voglio parlare è la NATURAè della WIP di Prato, la Wellness Innovation Project.

La tenuta di questi pannolini – è importante specificarlo – è ottima. E, a differenza dei normali pannolini che si trovano sul mercato, questi pannolini non impiegano qualche secolo per essere smaltiti.

Siccome non esiste una legge che regolamenta la quantità di PLA da utilizzare nei pannolini usa e getta ecologici, si trovano sul mercato pannolini di grandi aziende dove risulta del PLA: in questi casi tuttavia la quantità di PLA è spesso pari al 40% ed è presente solo all’interno insieme a fibre sintetiche, mentre a contatto con la pelle del bambino si trova il polipropilene. Perciò non tutti i pannolini in cui risulta del PLA sono realmente ecologici.

La WIP distribuisce anche – spinta da un dichiarato amore incondizionato per la natura – assorbenti igienici da donna, salvaslip, salviette umidificate per bambino e per donna, coppette assorbilatte, bastocini per le orecchie, cotone e fazzoletti.

Trovate a questo link un elenco di negozi e catene che tengono i prodotti WIP in Italia; l’azienda inoltre vende direttamente a gas, gruppi di acquisto solidali.

Provate i pannolini WIP, se potete: scoprirete che sono una .

1 Comment on "I pannolini ecologici WIP"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. mah, io li usavo quando non potevo usare i lavabili, e non direi che hanno una tenuta ottima. Anzi, dopo qualche ora si disfavano lasciando uscire una serie di piccole palline che si appiccicavano alla pelle del bimbo.

    Questo due anni fa, non so se nel frattempo sono migliorati, ma all’epoca non ero troppo soddisfatta

Scrivi un commento