Da 21 dicembre 2015 Articolo con sponsor 0 commenti Leggi tutto →

I soldi non piovono dal cielo

ADV

soldi-risparmio-futuro-figli

“ I soldi non piovono dal cielo!” I figli cominciano ad essere grandi e la tentazione di ripetere come un mantra questa frase che tutti, prima o poi, ci siamo sentiti dire, è fortissima.

Si esce da scuola, si passa davanti all’edicola e ci sono figurine, giornalini, giochi vari da prendere.

Si va a fare la spesa al supermercato e fosse per loro prenderebbero tutto: caramelle, merendine di ogni genere, patatine, altri giochi e libri… ovviamente.

Invitati a casa di amici, trovano certamente qualcosa che a loro manca e di cui non possono davvero fare a meno.

Le richieste dei figli sono sempre tante.

E quando cominceranno a non volere più le scarpe low cost ma poseranno gli occhi sull’ultimo modello di sneaker da acquistare solo ed esclusivamente nel tal negozio?

Quando chiederanno di poter uscire per andare a mangiare la pizza un giorno sì e uno anche?

Quando cominceranno a desiderare con insistenza l’ultimo modello di smartphone e di console, senza i quali non si può avere vita sociale?

i soldi non piovono dal cielo

Vivere con figli adolescenti non è facile, diventa un incubo se non li abbiamo educati fin da piccoli, anche per quando riguarda la gestione dei soldi. Provate a spiegare ad un teenager che non può avere le scarpe da duecento euro che vanno tanto di moda perché quei soldi potrebbero essere risparmiati per la sua università…

Ribellione totale.

A maggior ragione se da piccolo ha sempre avuto tutto, se non gli è stato insegnato che i soldi non piovono dal cielo e che è bene imparare a rinunciare a qualcosa.

Provare ad educare i figli a dare il giusto valore ai soldi, a non sprecare, ad apprezzare piccole rinunce e piccole fatiche per poter raggiungere un sogno, per costruire il loro futuro, è importante. Lo è soprattutto ora, in questi tempi, tanto pieni di stimoli a comprare, quanto incerti.

I miei figli sono così, sanno che i soldi non piovono dal cielo. Chiedono, ma non troppo. La figlia vorrebbe tanto andare in America e sta cercando di capire come fare per mettere da parte ciò che le servirà per la sua futura vacanza. Il maschio sta aspettando che la console che tanto desidera si abbassi di prezzo per riuscire a comprarla coi suoi soldi.

Sono adolescenti e sanno dare il giusto valore ai soldi. Lo hanno imparato in famiglia, con un po’ di fatica da parte nostra…. Se fossero bambini oggi sarebbero certamente aiutati anche dalla tecnologia. Il sito dedicato ai piccoli di GRANDE PBER è un esempio: attraverso giochi, storie e attività i bambini imparano cosa vuol dire parsimonia, risparmio e spreco.

Mai farsi trovare impreparati. I figli crescono e le richieste aumentano!

i soldi non piovono dal cielo

 

 

Scrivi un commento