Da 29 settembre 2009 0 commenti Leggi tutto →

Il ciclo mestruale: l’ovulazione

ADV

grafico-del-ciclo-mestruale

foto da Wikipedia

Al termine della prima fase del ciclo mestruale, la fase follicolare, c’è l’ovulazione. Con il grafico dell’immagine, che raffigura un ciclo regolare di 28 giorni, possiamo vedere che l’ovulazione dovrebbe cadere tra i giorni 14 e 15, partendo dal primo giorno della mestruazione. In realtà anche per i cicli mestruali molto regolari non è così semplice calcolare il momento fertile, spesso accade che il concepimento avvenga al di fuori di questo periodo molto ristretto, anche durante le mestruazioni, oppure subito prima o subito dopo.

E’ per questo motivo che i metodi anticoncezionali “naturali” che si basano solo su calcoli dall’esterno sono meno sicuri degli altri metodi più “invasivi” e che hanno bisogno di una conoscenza profonda del proprio corpo.

Tornando alla fase ovulatoria vediamo cosa succede: il follicolo è completamente maturo e rilascia la massima quantità di estradiolo che stimola, a sua volta, la produzione di ormone luteinizzante  (LH), quest’ultimo ha il compito di completare la maturazione dell’ovulo e di indebolire la parete del follicolo ovarico fino a quando l’ovulo verrà liberato.

Per fare un po’ di chiarezza sui tempi Wikipedia ci spiega che:

“il periodo più fertile (periodo con maggiore probabilità che un rapporto sessuale induca a gravidanza) dura fra 5 giorni prima dell’ovulazione fino a 1-2 giorni successivi. In un ciclo di 28 giorni con una fase lutea di 14 giorni, il periodo di maggior fertilità corrisponde alla seconda ed inizio terza settimana del ciclo”

Durante questa fase la cervice uterina secerne un muco speciale, trasparente e filante, adatto per favorire la risalita degli spermatozoi, possiamo facilmente notare la variazione del muco cervicale ed alcuni studi hanno dimostrato che, in questi giorni, abbiamo un olfatto più sensibile, un po’ come succede durante la gravidanza, quando tutti gli odori ci danno fastidio.

Scrivi un commento