Iscrizioni on line per la scuola: tutto ciò che bisogna sapere

ADV

iscrizioni on line

Anche per questo anno le iscrizioni per prime classi delle scuole potranno essere fatto soltanto on line e tra poco chi ha un figlio che frequenterà nel 2014/2015 una prima si troverà non solo a dover scegliere la scuola migliore, ma ad affrontare l’iscrizione on line. Cosa bisogna sapere per agire correttamente? Ecco in sintesi i passaggi.

Chi deve fare l’iscrizione on line

La procedura di iscrizione riguarda tutti coloro che hanno figli che frequenteranno le prime classi delle scuole elementari, medie e superiori statali. Sono escluse dall’iscrizione le scuole dell’infanzia e le paritarie non sono obbligate all’iscrizione on line.

Sono inoltre escluse dall’iscrizione on line le scuole di lingua slovena e quelle delle provincie di Trento, Bolzano e Aosta.

Tempi per l’iscrizione

Si avrà tempo per le iscrizioni dal 3 al 28 febbraio e a partire dal 27 gennaio i genitori potranno cominciare a iscriversi al sito del MIUR, per poi effettuare successivamente l’iscrizione vera e propria. Ciò che bisogna ricordare è che l’accoglienza o meno delle domande da parte delle scuole non dipenderà dall’ordine di arrivo delle stesse: non abbiate fretta, quindi!

Cosa bisogna sapere:

Le famiglie che procedono all’iscrizione on line devono:

  • individuare la scuola (è ammessa una sola domanda)
  • registrarsi sul sito del Ministero
  • compilare la domanda in tutte le sue parti

Una volta inviata la domanda, i genitori riceveranno dal sistema “iscrizioni on line” una email che attesta l’avvenuta registrazione e in più la famiglia potrà verificare lo stato della domanda e il suo iter via web.

I genitori separati o divorziati con affidamento non congiunto dovranno poi perfezionare la domanda di iscrizione presso la scuola entro l’avvio del nuovo anno scolastico.

Per agevolare le famiglie che dovranno affrontare per la prima volta l’iscrizione on line dei propri figli il Sole 24 Ore pubblica il 27 gennaio una guida in cui verranno spiegate nel dettaglio le regole da seguire (dalla scelta dei moduli orari per la primaria fino a quella degli indirizzi per le superiori ), il modo per rimediare ad eventuali errori e le novità rispetto al passato.

 

Articoli consigliati

Scrivi un commento