La tosse: come risolvere il disturbo con i medicinali omeopatici

ADV

 

come curare la tosse con omeopatia

 

La tosse, frequente nella stagione fredda, contrariamente a quanto si possa pensare non è una patologia, bensì un meccanismo di difesa del nostro organismo. Si tratta infatti di un “sintomo complesso”, relazionato perlopiù a infezioni dell’apparato respiratorio come laringiti, tracheiti e faringiti. Attraverso la tosse il nostro corpo cerca di espellere dalle vie aeree corpi estranei e secrezioni che potrebbero essere nocivi in quanto potrebbero ostacolare la respirazione e favorire la proliferazione di batteri.

La tosse però causa anche irritazione e l’irritazione può a sua volta determinare altra tosse, creando un meccanismo che può trasformarsi in un circolo vizioso.

Come curare la tosse con i medicinali omeopatici, la parola al medico

“I medicinali omeopatici sono particolarmente indicati in caso di tosse, soprattutto nei bambini i quali hanno un sistema immunitario particolarmente reattivo”, commenta il Dott. Donato Virgilio, medico di famiglia esperto in omeopatia a Brescia. “I medicinali omeopatici, infatti, non solo agiscono sui sintomi ma danno anche sollievo allo stato irritativo delle mucose e aiutano a ripristinare lo stato antecedente alla irritazione”. Questo vale sia per la tosse secca che per la tosse grassa, ossia quando la tosse è accompagnata da produzione di catarro e di muco in eccesso.

Tosse grassa e tosse secca

“Nei casi di tosse grassa mi è capitato di consigliare Ipeca composé, 5 granuli mattino e sera,” spiega il Dott. Virgilio. “Se la tosse è secca sono invece indicati Cuprum metallicum 9 CH e Coccus cacti 5 CH”.

Se i sintomi dovessero peggiorare e ci si dovesse trovare di fronte a una rinofaringite, potrebbe essere utile l’assunzione di Kalium bichromicum 9 CH e Drosera 15 CH, 5 granuli in alternanza 4 volte al giorno.

Stodal sciroppo per la cura della tosse

“Sempre, quale che sia il tipo di tosse, è consigliabile assumere Stodal, uno sciroppo omeopatico che può essere assunto dai bambini in una dose di 5 ml (un cucchiaino di caffè) 3-5 volte al giorno. Gli adulti dovrebbero assumere 15 ml (pari a un cucchiaio) 3-5 volte al giorno”. Stodal è stato studiato per tutti i tipi di tosse al fine di ridurne l’intensità e la frequenza. Inoltre, non è prodotto con sostanze mucolitiche o sedative, che possono provocare effetti indesiderati. L’AIFA ha infatti vietato la somministrazione di medicinali contenenti sostanze mucolitiche ai bambini di età inferiore ai due anni. Questo provvedimento non interessa però Stodal, il quale non solo non contiene sostanze mucolitiche e principi attivi ad azione sedativa centrale o periferica.

 

Scrivi un commento