Malattie in gravidanza: la mononucleosi

ADV

In passato abbiamo già parlato di mononucleosi nei bambini, oggi voglio parlare di mononucleosi in gravidanza per capire se ci sono rischi di complicanze sia durante la gravidanza stessa sia per il bambino dopo il parto. La mononucleosi, detta anche malattia del bacio, è una infezione virale causata da un virus della famiglia degli Herpes Virus (di cui fanno parte anche l’Herpes Simplex di tipo 1 e 2 che causano l’herpes labiale e genitale, l’Herpes Zoster responsabile della varicella e del fuoco di sant’Antonio e il citomegalovirus responsabile dell’infezione omonima) che si chiama di Epstein-Barr.

Innanzitutto bisogna sapere che l’infezione è frequentissima, pare che più del 90% della popolazione umana sia portatrice sana del Virus di Epstein-Barr, infezione spessissimo asintomatica nei bambini e nella metà dei casi di adolescenti ed adulti. Questo vuol dire che la maggioranza della popolazione ha contratto l’infezione senza accorgersene, terminata l’infezione senza nessun sintomo evidente si resta portatori del virus per tutta la vita e può a sua volta contagiare persone che non hanno contratto l’infezione prima.

Ha un periodo di incubazione piuttosto lungo, che va dalle tre alle otto settimane, ed è caratterizzata da febbre, faringite, ingrossamento della milza (splenomegalia), mancanza di appetito, stanchezza e malessere diffuso (astenia), alterazioni della funzionalità del fegato ed aumento di volume dei linfonodi, però come ho già detto spesso compaiono solo una piccola parte di questi sintomi e la malattia passa in modo assolutamente silente oppure viene scambiata per una normalissima influenza.

Essendo di origine virale non necessita di particolari cure per terminare il suo decorso in modo benigno, tranne per il trattamento dei sintomi più fastidiosi, ad esempio con il paracetamolo per la febbre alta e l’infiammazione.

La buona notizia è che in gravidanza non è pericolosa né per la mamma né per il bambino salvo in rarissimi casi in cui si sviluppano complicanze. Come sempre è necessario rivolgersi al ginecologo per qualsiasi disturbo, in modo che la diagnosi differenziale venga fatta tempestivamente.

Blogmmamma.it è un sito a carattere divulgativo. I punti di vista e le informazioni date non non intendono in nessun caso sostituirsi al parere del medico, che invitiamo sempre a consultare in caso di dubbio.

1 Comment on "Malattie in gravidanza: la mononucleosi"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. antonella scrive:

    Nel 2000, probabilmente nei giorni del concepimento, ho avuto la mononucleosi; è stata scoperta proprio quando ho fatto la prima analisi del sangue per accertare la gravidanza. Il mio dottore mi ha fatto fare una visita specialistica dal virologo, il quale mi ha detto che molto probabilmente il virus è stato contratto prima del concepimento e che non c’era alcun pericolo per il bambino. Infatti il bimbo è nato ed è sano, però ricordo anche che mi era stato detto che nel tempo ci potevano essere dei problemi agli occhi. E’ un po’ di tempo che mio figlio ha fastidio agli occhi e anche se ho fatto la visita dall’oculista e fatto le prove allergiche con esito negativo, non si sa ancora quale sia la causa del disturbo. Così mi sono tornate in mente quelle parole e stavo cercando su internet qualche informazione.

Scrivi un commento