Mamma a 40 anni: meglio parto cesareo!

ADV

 

Non è un luogo comune che le future mamme quarantenni preferiscono il parto cesareo al parto naturale, a quanto pare la scelta del  taglio cesareo è una necessità. E’ciò che una indagine della Sidip, Società Italiana di Diagnosi Prenatale rivela: le donne più avanti con gli anni fanno più frequentemente ricorso al taglio cesareo perché correrebbero meno rischi!
 
“Abbiamo distribuito un questionario a 150 ostetrici italiani – spiega Claudio Giorlandino, Presidente della Sidip – Il nostro obiettivo era quello di comprendere le motivazioni dell’aumentate richieste di parto cesareo nelle donne mature.” Secondo i dati raccolti dall’indagine della Sidip, in Italia, oltre il 60% delle pazienti quarantenni incinte interpellate ricorre al taglio cesareo.

“Nelle donne quarantenni monitorate si è registrato un aumento dell’ipertensione, del diabete e del sovrappeso. Dallo studio si evince quindi che il ricorso al parto cesareo è più frequente nelle primipare quarantenni, anche se all’inizio della gravidanza non vengono considerate ad alto rischio, nel corso della gestazione vanno incontro ad una serie di complicanze che potrebbero creare problemi al momento del parto naturale. Inoltre nelle primipare quarantenni il rischio di partorire con un taglio cesareo è di oltre 5 volte maggiore rispetto a chi ha già partorito una o più volte alla stessa età”.

Il cesareo inoltre è preferito soprattutto nei casi di gravidanza con fecondazione assistita. Si è osservato, infatti, che le donne le quali avevano concepito con l’aiuto di terapie di fertilità avevano maggiori probabilità di avere una gravidanza con complicazioni quali il malposizionamento della placenta e minacce di aborto o di parto pretermine. “Le donne più mature inoltre – continua Giorlandino – tendono ad avere, al parto naturale, alcune problematiche specifiche come il travaglio più prolungato che può durare anche oltre 20 ore o distocie del parto con maggiore possibilità di applicazione di forcipe e ventosa.

Immagini:
wikinoticia.com
nextme.it

Scrivi un commento