Da 18 maggio 2009 5 Commenti Leggi tutto →

Mamme e lavoro: quale aiuto dal Governo per le mamme?

ADV

Quale tipo di aiuto concreto ritieni che il Governo potrebbe dare alle mamme? Oggi, tutte noi abbiamo l’opportunità di dire la nostra e, soprattutto, le nostre istanze, per una volta, non rimarranno inascoltate: al MaM 2009 sarà presente anche Alessandra Servidori, Consigliera Nazionale di Parità e Consigliera del Ministro del Lavoro Sacconi.

Nel corso degli incontri della mattinata, gli organizzatori del MaM, porteremo direttamente di fronte a lei le nostre istanze sul tema delle Pari Opportunità. Ma quali sono i temi che le mamme della rete considerano prioritari e più urgenti da attuare? Per definirli, gli organizzatori del MaM hanno pensato ad un sondaggio.

Qui potete votare, tra le proposte relative al rapporto mamme e lavoro, quelle che ritenete più utili per voi: potete esprimere fino a 3 preferenze. Ma c’è spazio anche per eventuali altre proposte: segnalatele nei commenti e saranno inserite nel sondaggio.

Fin ora, la proposta più votata è stata:

Predisporre interventi a sostegno di forme organizzative per la flessibilità (part time, telelavoro, flessibilità orari, job sharing, congedi) che non penalizzino la qualità del lavoro delle mamme

Anche tu la pensi così? esprimi a tua opinione: è un piccolo passo perchè il mondo della politica cominci a guardare con più attenzione al tema: cosa vogliono le mamme?

Qui potete leggere altre informazioni sul MaM 2009. Per visitare il blog dell’evento e scopriire come  partecipare, cliccate su mammaamamma.com.

Immagine: digilander.libero.it

5 Comments on "Mamme e lavoro: quale aiuto dal Governo per le mamme?"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. ileana scrive:

    …sono mamma di un bimbo di 6 anni ed ora aspetto un altro maschietto…desiderato e voluto ha però dato da subito dei problemi e visti i miei aborti precedenti ho dovuto smettere da subito di lavorare…NEL MIO BAR! Ho dovuto assumere una persona ke mi sostituisse e quindi pagarla…ma a me chi mi aiuta???? Nessun tipo di maternità anticipata per le commercianti, nessun aiuto più ke altro in un caso come il mio dove sono stata obbligata a smettere e quindi non percepire più nessun stipendio perchè l’ho gentilmente dovuto devolvere alla nuova assunta! Perchè in questi casi almeno lo stato non ci dà un piccolo aiuto? I commercianti delle piccole realtà di paese come la mia, non sono ricchi ed è già difficile andare avanti normalmente, figuriamoci con un solo stipendio più ke normale di mio marito e 2 figli!!!

  2. maria scrive:

    sono una dona con due figli, abandonata….lavoro, part time.. non mi la faccio!!!! ma no so cosa fare!!!! mi amazo???? vorrei solo una opportunita d vivire!!!! non mi la faccio vi prego…ditteme cosa fare????? grazie mille…

  3. NADIA scrive:

    … … sono mamma di due bambini, Edoardo 3 anni ed Elisa di 1 anno, tra poco rientrerò a lavoro full time e non ho aiuti anche perchè costerebbero troppo!! Nessuno che mi aiuta in casa, con i bambini e io fuori tutto il gg
    Il part time non me lo vogliono concedere ne a 4, 5 o 6 ore, penso che in una società democratica dove al primo articolo della costituzione si parla della Famiglia come fondamento della società ogni Mamma dovrebbe avere almeno un Part time che riduce l’orario da 8 a 6 ore fino alla scuola elementare…

    Se si ha la fortuna di avere i nonni o dei parenti che ci aiutano forse si è un po’ + serene, ma da sole è veramente difficile ed oramai il ns. contributo economico è troppo importante per poter pagare il mutuo la spesa ed avere qualche cosa da parte non credete !!!!???!!!

  4. gaia scrive:

    …E POI PARLANO DI CALO DEMOGRAFICO…MA CON QUALE CORAGGIO UNA DONNA SENZA UN APPOGGIO FAMILIARE COME ME RISCHIA CREANDOSI UNA FAMIGLIA?CONOSCO REALTA’ DI ALTRI PAESI DELLA COMUNITA’ EUROPEA CHE TUTELANO SOTTO DIVERSE FORME LE MAMME COME ME, LE RAGAZZE MADRI ETC..LE FAMIGLIE.PAGO LE TASSE COME TUTTI, VIVO COME TANTI, ONESTAMENTE, MA SI VEDE CHE NON BASTA!!!!E LO STATO CHE FA!NIENTE..GRAZIE.

  5. gaia scrive:

    SONO UNA MAMMA DISPERATA COME TANTE CHE NON RIUSCENDO A CONCILIARE LAVORO E FAMIGLIA HA DOVUTO RASSEGNARE DIMISSIONI DA UN LAVORO A TEMPO INDETERMINATO PART TIME!OULTRETUTTO..NON IMMAGINO CHI E’ IMPEGNATA TUTTO IL GIORNO..PURTROPPO IL MIO LAVORO SI SVOLGEVA PREVALENTEMENTE IL POMERIGGIO,ARCO DELLA GIORNATA IN CUI MIA FIGLIA USCIVA DA SCUOLA..CIO’ SIGNIFICAVA, CHE CMQ NON LA VEDEVO E INTANTO CRESCEVA CON TUTTI: NONNA, BABY SITTER, TATA, TRANNE CHE CON SUA MAMMA…PER UNO STIPENDIO MINIMO..CONDITO DA STRESS EMOTIVO E FISICO.NON SONO L’ UNICA MA QUESTA NON E’ CERTO UNA CONSOLAZIONE!E LO STATO IN COSA CI AIUTA?IN NIENTE!

Scrivi un commento