Da 21 settembre 2010 1 commento Leggi tutto →

Marsupi e fasce porta bebè per portare i bambini

ADV

In autobus, per una gita o in treno, marsupi e fasce porta bebè sono valide alternative a passeggino e carrozzina, scomodi se il tragitto prevede gradini, marciapiedi stretti, avvallamenti. Dunque vediamo come scegliere l’accessorio più adatto alle nostre esigenze.

Fasce porta bebè

La fascia senza bottoni o fibbie, permette di trasportare il bambino dal primo giorno sino ai 3 anni. Annodando i 5 metri di tessuto con tecniche diverse, secondo l’età e la posizione in cui si vuole portare il piccolo, la fascia, consente anche a un solo genitore di portare due gemelli insieme.

Più semplice, invece, la fascia elastica in maglina di cotone, che non necessita nodi e allacciature particolari. Permette di portare il bambino solo fino a sei mesi d’età e offre loro la possibilità di essere portati in posizione naturale.

Stesso principio la fascia con anello, o Sling. Si tratta di una striscia di tessuto morbido, imbottita sui bordi e sulla spalla. L’effetto amaca è ottenuto da una fibbia, o un anello, facile da allacciare e sganciare al bisogno. Il bambino può essere portato in posizione sdraiata vicino al seno, facilitando l’allattamento, oppure seduto o anche sl fianco quando è più grande.

Marsupi

Il marsupio, pur essendo un accessorio comodo che consente di portare il bambino fino a che raggiunge i 10 kg di peso, andrebbe utilizzato per il trasporto in posizione verticale, da quando cioè il piccolo sorregge la testa e inizia a controllare la postura della schiena, a partire dai 4 mesi di vita. E’ meglio orientarsi verso prodotti che consentono il trasporto in tre posizioni: coricato nei primi mesi, seduto fronte mamma dai 3 mesi in poi, rivolto verso la strada quando è più grandicello.

Se invece, si decide per trasportare in verticale il piccolo sin dal primo giorno, si cerchi un marsupio che abbia bretelle regolabili e la parte che sorregge il sederino larga almeno 18 cm, tanto da garantire la corretta seduta a gambe divaricate, che non gravi sulla sua schiena e non influisca sullo sviluppo delle anche.

Per i più piccoli, è poi importante che si possa regolare la circonferenza dell’imbragatura, in modo che il bambino sia contenuto e sostenuto in maniera adeguata, aderendo perfettamente al cropo di chi lo porta ed evitando pericolosi sbilanciamenti all’interno del marsupio.

Portare il proprio bambino è un gesto di comodità, ma anche d’amore, per essere certi che non si trasformi in un pericolo, è meglio evitare di usare il marsupio per andare in auto, in bici o, peggio, in moto. E’ bene controllare ogni tanto la tenuta delle cuciture e degli agganci e verificare che i continui lavaggi non abbiano creato strappi nel tessuto.

E voi mamme avete l’abitudine di portare il vostro bambino? Cosa avete preferito usare fascia o marsupio?

Immagini:
girotondobaby.com
equazioni.org
lacasagiusta.it
ebaby.it

1 Comment on "Marsupi e fasce porta bebè per portare i bambini"

Trackback | Commenti RSS Feed

Inbound Links

  1. Cosleeping: il metodo Sears | nanna.www.blogmamma.it | 29 settembre 2010

Scrivi un commento