Natale: bambini a scuola, per aiutare i genitori!

ADV

Natale decisamente insolito per i bambini: vacanze a scuola, troppo lunghe ben venti giorni tra Natale ed Epifania e per aiutare i genitori in difficoltà con poche disponibilità  che non sanno a chi lasciare i propri figli aprono le scuole!
Ecco l’iniziativa: a Milano in alcune scuole spendendo pochi euro – tra i 12 e i 15 alcune scuole della zona Ovest della città in via del tutto straordinaria aprono dalle 8 del mattino alle 6 di sera anche durante le vacanze di Natale. «Per i genitori che lavorano è un sollievo. Meglio sapere che i nostri figli sono a scuola che a casa da soli»conferma Emanuela Borghi, una mamma come tante davanti ai cancelli della scuola Luigi Cadorna di via Dolci, la prima ad avere inventato il campus invernale poi esportato in altre scuole della zona.

«Non è solo un problema di dove parcheggiare i bambini durante le vacanze. Un’amica, un parente, una baby sitter chi può, la si può sempre trovare. Con questo sistema si guarda anche alla qualità delle giornate dei nostri figli. Meglio a scuola che abbandonati davanti alla tv», opinione diffusa tra le mamme davanti alla scuola Cadorna.

«I genitori sono contenti, I bambini gradiscono. Conoscono l’ambiente. Fanno qualcosa che piace», racconta Fabrizio Liuzza della cooperativa sociale 018 che dopo aver gestito l’esperimento pilota a Pasqua si ripeterà anche quest’anno. «Siamo abituati a trattare con i bambini. Ci sarà un educatore ogni quindici piccoli». Molto più di quanto offra la scuola primaria, statale o comunale che sia. «Anche se non sono ore di insegnamento vere si punta alla continuità dell’educazione dei bambini».

Questo tipo di campus invernale è già una realtà consolidata in molti Paesi europei, ed è autogestito digli istituti scolastici. Le associazioni dei genitori vorrebbero che  il progetto prendesse piede in tutta Italia. A Davide Guarnieri, presidente dell’Age favorevole all’iniziativa sottolinea: «Secondo noi la scuola dovrebbe essere fruibile 360 giorni l’anno coinvolgendo i genitori se non nella gestione, almeno nella programmazione che deve guardare alla qualità del servizio».

Allora voi mamme che ne pensate ?

1 Comment on "Natale: bambini a scuola, per aiutare i genitori!"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Livia scrive:

    Meglio sicuramente a scuola che a casa davanti alla televisione, ma se poi si riesce anche a fargli fare qualche giorno di riposo a casa con la mamma e il papà è ancora meglio! La proposta della scuola è in ogni caso molto utile.

Scrivi un commento