Navigare sicuri: seguire i figli nell’era del web

ADV

Il progetto Navigare Sicuri di Telecom Italia è ormai giunto alla terza edizione. Partendo dalla considerazione che il web e le nuove tecnologie sono sempre più preponderanti nella vita quotidiana, è bene capire quali siano i rischi che i nostri figli possono correre se non accompagnati nella scoperta e soprattutto nella fruizione di ciò che offre la rete.

Navigare Sicuri è un progetto nato proprio allo scopo di aiutare genitori ed educatori ad affrontare un ambito in cui spesso sanno muoversi meno agevolmente rispetto ai propri figli. Quanti papà, quante mamme, quanti insegnanti faticano a seguire i ragazzi nell’ approccio con le nuove tecnologie e nella navigazione in rete!

Il progetto Navigare Sicuri di quest’anno si rivolge ai ragazzi che già autonomamente navigano in rete e che sono esposti ai maggiori rischi, anche perchè passano spesso diverse ore in casa da soli. E’ la fascia d’età che va dagli 11 ai 18 anni. Gli adolescenti fanno largo uso della rete e in maniera piuttosto disinvolta: il web offre loro rischi ma anche grandi opportunità.

Ecco perchè l’edizione attuale di questo progetto, in collaborazione con FattoreMamma, si prefigge di trasformare la “sapienza digitale”  delle nuove generazioni in “cultura digitale”. Solo così si potrà evitare  l’uso distorto delle potenzialità della Rete e nello stesso tempo si aiuteranno i ragazzi a maturare e a crescere anche in questo ambito.

Partner importanti in questo progetto educativo sono sia la famiglia sia la scuola. Navigare Sicuri entra infatti nelle scuole con una serie di incontri. Il tour  si svilupperà in 10 tappe  in 10 città italiane.  In ogni tappa,  della durata di 5 giorni, le scuole cittadine saranno coinvolte in laboratori  e in un incontro plenario durante il quale i ragazzi potranno confrontarsi con esperti del settore e affrontare i temi del progetto in maniera dinamica e interattiva.

Dopo aver affrontato nelle scorse edizioni temi come il furto d’identità, l’adescamento on-line, il  cyberbullismo  con questa edizione si tratteranno tematiche importanti e attuali come il sexting, la dipendenza da internet (IAD) e la legalità. Si completerà quindi  il quadro dei possibili rischi in Rete.

La prima tappa del tour sarà  giovedì 6 dicembre a Bari  presso la Scuola Secondaria di primo grado Michelangelo.
Si parlerà in particolare di SEXTING, ovvero la  pratica di condividere o di inviare a singoli destinatari immagini proprie o di altri con contenuti sessuali espliciti. E’ in rapido aumento tra i giovani ed è molto pericolosa, perchè influisce sull’educazione all’affettività dei ragazzi influenzandone pesantemente e in maniera distorta anche la vita sessuale off-line.
Saranno presenti Maurizio Bini (sessuologo, ginecologo e andrologo), Jolanda Restano (“mamma” del mommyblogging italiano e di Filastrocche.it) e il Generale Umberto Rapetto (alla guida del GAT – Gruppo Anticrimine Tecnologico della Guardia di Finanza da lui fondato nel 2001), insieme a tutti i ragazzi che stanno lavorando dal 3 dicembre su questo tema.

Tutti noi potremo seguire l’incontro in streaming dal sito Navigare Sicuri. Blogmamma vi accompagnerà per l’intero tour. Continuate a seguirci, il tema è molto importante! Ecco nel frattempo i video dell’incontro.

Scrivi un commento