Non rimanere incinta: pillola dei 5 giorni dopo disponibile in farmacia

ADV

pillola-5-giorni-dopo

Arriva anche in Italia la pillola dei 5 giorni dopo, il nuovo farmaco contraccettivo d’emergenza a base di Ulipristal acetato: sarà reperibile nelle farmacie italiane proprio a partire oggi.
Gli esperti, nel corso di una conferenza stampa, hanno attribuito al farmaco maggiore efficacia e tollerabilità. L’utilizzo entro le prime 24 ore dal rapporto è tre volte più efficace delle vecchie preparazioni; inoltre, la nuova pillola può essere assunta dalle donne fino a cinque giorni dopo il rapporto a rischio.

Gli studi sul contraccettivo d’emergenza, che hanno coinvolto più di 4.700 donne, rivelano che l’Ulipristal acetato è ben tollerato e sicuro. Il farmaco può essere richiesto con una ricetta medica non ripetibile. Prima della prescrizione il medico deve verificare che non ci sia una gravidanza in atto, basterebbe l’esito negativo di un test a base di beta Hcg effettuato anche con un semplice stick sulle urine disponibile nelle farmacie.

Gian Benedetto Melis, direttore della Clinica Ostetrica dell’Università di Cagliari, nel corso della conferenza stampa ha precisato:

“L’Ulipistral acetato 30 mg è stato approvato dall’Ema come contraccettivo d’emergenza già nel maggio del 2009 e successivamente anche dalla Fda nell’agosto  in Italia ha ricevuto il via libera dell’Aifa l’8 novembre del 2011. Ad oggi è autorizzato in ben 39 Paesi (27 Ue, Norvegia, Islanda, Liechtenstein, Serbia, Croazia, Bosnia, Djibouti, Gabon, Israele, Singapore, Sud Corea e Stati Uniti), e già commercializzato in 28 Stati”.

La nuova pillola va assunta il prima possibile e non oltre le 120 ore dal rapporto non protetto però non va sostituire un metodo contraccettivo di routine.Vale la pena ricordare che non è la classica pillola anticoncezionale né un farmaco abortivo. Come ha sottolineato l’Organizzazione Mondiale della Sanità:

la contraccezione di emergenza agisce evitando il concepimento e non ha effetti abortivi. Il meccanismo d’azione principale di Ulipristal acetato 30 mg è, infatti, quello di inibire o ritardare l’ovulazione, in sintesi riduce la possibilità di incontro dell’ovulo e degli spermatozoi, rendendo potenzialmente non fertile il rapporto a rischio. Non solo, se assunto immediatamente prima dell’ovulazione, può essere ancora in grado di posticipare la rottura del follicolo.

Fonte:
quotidianosanita.it

Immagini:
stetoscopio.net

Scrivi un commento