Non rimanere incinta: puoi decidere di non avere più figli!

ADV

La scelta di non avere figli ed evitare gravidanze indesiderate è da tempo sostenuta da un mondo contraccettivo vario e affidabile che tuttavia richiede controlli e costanza. Per le donne che hanno deciso di  rinunciare ad altre gravidanze e vivere una sessualità senza pensieri è in arrivo un nuovo e innovativo metodo contraccettivo che si chiama Essure.

E’ un metodo contraccettivo permanente e non reversibile, che crea una sorta di barriera naturale contro le gravidanze. un rimedio definitivo senza l’utilizzo di ormoni, incisioni e rischi. In Italia Essure è rimborsata al 100% dal Servizio Sanitario Nazionale.

Il professor Gian Luigi Marchino, ginecologo presso l’Azienda Ospedaliera S. Anna di Torino  uno dei primi medici ad applicare Essure in Italia spiega :”La procedura rappresenta una risposta efficace per le donne, consapevoli dell’irreversibilità del metodo, che hanno una famiglia completa e che non desiderano più preoccuparsi di possibili gravidanze indesiderate. La procedura Essure viene eseguita in regime di day hospital in meno di 10 minuti, non richiede anestesia, è ben tollerata e ha un’efficacia nel 99,74% dei casi. Inoltre le donne possono riprendere la loro normale attività dopo la dimissione e avere rapporti sessuali anche la sera stessa, con l’avvertenza di continuare a usare un altro metodo contraccettivo fino a tre mesi dall’applicazione per permettere ai tessuti tubarici di “inglobare” le spiralette».

La pratica consiste nell’ applicare inserti morbidi e flessibili nelle tube di Faloppio. Senza effettuar e incisioni attraverso la vagina e la cervice, nelle settimane seguenti si crea una barriera naturale attorno agli inserti che impediscono agli spermatozoi di raggiungere gli ovuli. Le ovaie continueranno a rilasciare gli ovuli ma questi saranno riassorbiti dal corpo,dopo tre mesi, si esegue un test di conferma. Questo test, a raggi X, verifica la posizione degli inserti e il blocco per dare la certezza alla paziente che non dovrà più preoccuparsi di una gravidanza indesiderata.

Fonte: laStampa.it

Scrivi un commento