Non solo angioletti, arriva la nuova collezione #THUNBimbo

ADV

Negozio Thun a RozzanoSiamo stati invitati al battesimo del primo store Thun Bimbo al centro commerciale Fiordaliso di Rozzano. Lo storico marchio di Bolzano, conosciuto in tutto il mondo per i suoi angioletti di ceramica e i suoi articoli da regalo, ha da poco deciso di lanciarsi in una nuova avventura, rivolgendo il suo sguardo all’universo bebè.

Nel primo punto vendita dedicato al bambino, tutto giocato sui toni pastello del giallo, dell’arancio e verde acqua, si viene coccolati in un atmosfera ovattata e quasi onirica, sotto lo sguardo protettivo dell’angelo gigante, simbolo di Thun, che richiama la tradizione e i valori tipici del brand. E tra tutine in morbido cotone, copertine, felpe, peluches e accessori e decorazioni per la cameretta si resta avvolti in un oasi di pace e tenerezza, nonostante fuori ci sia la frenesia dell’affollatissimo centro commerciale.Il contesto ideale per trovare l’idea regalo giusta per un neonato o ritrovare il gusto dello shopping con il proprio bambino!

sacco-nanna-thunA raccontare il nuovo concept e la nuova collezione di abbigliamento bimbo fino a 24 mesi, arrivata dopo il successo di una prima collezione di decorazioni in ceramica per le camerette e al corredo tessile, con lenzuola e giochi, è il Conte Peter Thun in persona, che ripercorrendo le origini dell’azienda dagli anni ’50 a oggi e ripetendoci il mantra paterno: Ricordati le nostre origini, ricordati i nostri valori, ricordati le nostre icone”, ci spiega il percorso intrapreso e le sfide future del marchio.

“Thun Bimbo -ha detto il conte, nonché attuale presidente- è la nostra sfida per superare la crisi. Questo nuovo canale retail sarà dedicato esclusivamente al bambino, un settore che, oltre a rappresentare appieno il nostro Dna e a conservare le nostre radici, sta conquistando sempre più spazio nel cuore degli appassionati di Thun e nei fatturati dell’azienda. Oggi questo segmento pesa intorno al 14%, in termini di sell out, sul fatturato totale del gruppo che ha chiuso il 2012 a quota 172 milioni di euro”.

Il format dello store si replicherà in altre realtà italiane, tanto che entro marzo si prevede l’apertura di altri 5 punti vendita. Ma l’orizzonte dell’azienda è molto più ampio: “Quello del bambino è il nostro comparto che vedrei meglio all’estero -ha concluso il Conte Thun- Infatti stiamo aprendo i primi Thun Bimbo in Cina e stiamo valutando richieste che ci arrivano da Russia, Brasile, Turchia e, naturalmente, dall’Europa centrale”. E come recita la frase stampata su tutti i body della vetrina “il bello dei sogni è che qualche volta si avverano!”

Scrivi un commento