Non stressiamoli prima del tempo. Le giuste tappe per crescere bene

ADV

bambini che crescono in fretta

Come genitori non vediamo l’ora di insegnare cose nuove ai nostri figli, di scoprirli indipendenti e di ammirarli mentre ci accorgiamo di quanto siano veloci ad imparare.

In tutto questo non c’è niente di male, a patto che vengano rispettati i ritmi di crescita, perché ogni cosa deve arrivare a suo tempo!

Bambini e ragazzi non sono in gara

Ciò che è giusto in un’età può essere profondamente sbagliato in un’altra. Per questo motivo è importante non andare di corsa, perché bambini e ragazzi non sono in gara. Non vince niente chi di loro arriva primo e non è detto che sia meglio. Né per loro, né per noi.

Siamo d’accordo e sappiamo tutti che le nuove tecnologie – smartphone, tablet e social network – un po’ ci ingannano. Perché spesso e volentieri tendono a farci sembrare i nostri figli più grandi di quello che in effetti sono. Lo stesso discorso vale per i videogiochi che hanno portato nuovi importanti cambiamenti e abitudini nella fruizione del tempo libero di bambini e adolescenti. Poi c’è la televisione che propone argomenti spesso impegnativi o inadatti per i più giovani. E non ultimo il marketing che “vende” ai nostri ragazzi considerandoli volutamente piccoli adulti, a volte contro qualsiasi principio di buonsenso, praticità ed effettivo utilizzo.

Il giusto modo per aiutare i bambini a sviluppare le autonomie

Come muoversi allora per evitare errori? Come fare i passi giusti e prendere bene le misure, visto che in gioco c’è qualcosa di davvero importante?

Ciò che rimane fondamentale è considerare l’educazione una questione di misura in relazione all’età.

Si tratta di fare le mosse giuste piuttosto che di lasciarsi prendere dall’ansia di anticipare a tutti i costi qualcosa.

Sappiamo che l’infanzia è l’età dell’adeguamento, l’adolescenza dell’allontanamento: per una corretta e serena formazione quello che serve è sviluppare le autonomie. Se non forzano le tappe, i genitori aiutano i figli a vivere bene ogni momento della loro vita.

Scuola Genitori: un ciclo di incontri a Milano

La serata di Scuola Genitori del 7 marzo del CPP (Centro PsicoPedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti) è dedicata proprio all’analisi e al rispetto dei tempi di crescita. Una corretta attenzione ai ritmi evolutivi permette uno sviluppo sano che evita precocità rischiose o addirittura dannose.

La serata del CPP vuole essere un’occasione per scoprire come raggiungere insieme nuove mete, valutando ogni bambino e ragazzo per quello che è all’interno di ogni specifico contesto. E con il desiderio di vederlo crescere in autonomia, e di vederlo crescere bene.

SCUOLA GENITORI – Lunedì 7 marzo 2016, ore 20.45
presso l’Auditorium Don Bosco in via Melchiorre Gioia 48 a Milano.
Daniele Novara, pedagogista e direttore CPP, presenta Claudio Riva, psicologo e psicoterapeuta.
La partecipazione è libera e gratuita.

Scrivi un commento