Da 17 marzo 2016 Articolo con sponsor 7 Commenti Leggi tutto →

Otite media acuta, come prevenirla

ADV

come prevenire otite media

Il pianto del bimbo che ha l’ otite ce lo ricordiamo tutti. Un pianto inconsolabile, che ci fa rimanere sveglie tutta la notte. Ci sono bambini che soffrono spesso di otiti e genitori che non sanno più a che santo appellarsi. Oggi vi raccontiamo di un pomeriggio molto interessante in cui abbiamo scoperto che esiste un nuovo metodo per prevenire l’otite media acuta e tutte le infezioni delle vie respiratorie alte.

Otite media acuta, che cos’è e come si cura

Prima di tutto bisogna distinguere tra otite esterna e otite media. La prima riguarda il condotto  uditivo e spesso è causata da problemi di natura dermatologica (eczemi, funghi, foruncoli nel canale)

Si parla di otite media, invece, quando l’infiammazione si sviluppa oltre la membrana del timpano, nella cavità dove si trovano gli ossicini dell’udito.

L’otite media acuta è piuttosto comune tra i bambini (il 90% dei bimbi sotto i tre anni ne ha sofferto almeno una volta e il 50% ha avuto due o tre ricadute nello stesso periodo di tempo), ma colpisce anche i ragazzini e gli adulti.

Cause otite media acuta

Per il 75% dei casi l’otite media acuta è una malattia di origine batterica ed è causata dal passaggio nel condotto uditivo di secrezioni infette frutto di infezioni delle prime vie aeree. Tra i batteri che provocano più frequentemente l’otite media c’è il cosiddetto “trio infernale“, costituito dai ceppi di Streptococcus pneumoniae, Haemophilus influenzae e Moraxella  catarrhalis .

Cura otite media

In aggiunta ai farmaci utilizzati per alleviare i sintomi e i fastidi, nella maggior parte dei casi l’ otite media viene curata con la profilassi antibiotica. Il 40% delle prescrizioni antibiotiche in età pediatrica è legata all’otite.

In realtà spesso in 48 / 72 ore anche l’otite media acuta si risolve da sola. Nell’ottica di diminuire l’uso spropositato degli antibiotici, le recenti linee guida della Società italiana di pediatria preventiva e sociale incoraggiano proprio ad attendere 48 / 72 ore prima di prescrivere l’antibiotico.

Come prevenire l’ otite media

C’è un modo per prevenire l’otite media e per evitarne le ricadute? Sì, ed è quello che abbiamo scoperto durante il nostro incontro con il dottor Attilio Varricchio, otorinolaringoiatra, e Rinogermina.

come prevenire otite

Sappiamo che l’otite media acuta è causata dalle secrezioni infette che provengono principalmente dalla cavità nasale. Il presupposto per riuscire a prevenire le otiti è quello di avere un naso sano e ciò è possibile mantenendolo igienicamente pulito dal muco (con lavaggi nasali, ad esempio) e attraverso la batterioterapia intranasale.

Rinogermina e la batterioterapia intranasale

come prevenire otite

Come dopo una gastroenterite si ripristina la flora intestinale attraverso i probiotici, lo stesso si può fare con la cavità nasale, per prevenire insieme alle ricadute dell’otite anche tutte quelle infezioni delle vie aeree alte che sono causate dalle secrezioni nasali.

Numerosi studi medici hanno infatti evidenziato che la flora nasofaringea  è molto importante come difesa dalle infezioni delle vie respiratorie alte, compresa l’otite.

Lo Streptococcus salivarius 24SMBc e Streptococcus oralis 89a sono i probiotici utili a creare un effetto barriera per contrastare i batteri negativi e le infezioni e Rinogermina è il primo dispositivo medico che permette attraverso lo spray di immetterli nel naso.

Rinogermina è quindi utilissimo sia come prevenzione nei periodi in cui i bambini si ammalano spesso, sia come ricostituente della flora batterica dopo la fase acuta delle infezioni come l’otite, per scongiurare le ricadute. E’ un dispositivo utilissimo per tentare di ridurre l’eccessivo uso degli antibiotici.

7 Comments on "Otite media acuta, come prevenirla"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Mary scrive:

    Buonasera, ho appena acquistato rinogermina ma ho un dubbio: 2 spruzzi a narice per 7 giorni e continuare per 3-5 mesi. Quindi non devo mai stoppare?Non mi è ben chiara la posologia.Graziee

  2. Federica scrive:

    Salve..
    La mia bimba di 19mesi ha nuovamente l’otite.. curata a febbraio con antibiotico e beccata nuovamente ora.. il pediatra ci ha scritto nuovamente l’antibiotico che cominceremo oggi! Leggendo l’articolo, sono andata in farmacia e ho ordinato subito lo spray.. vorrei capire:
    Posso spruzzarlo tutti i giorni come prevenzione (io solitamente ogni gg faccio i lavaggi)?
    Anche ora che l”otite ce l ha già?
    Grazie mille

    • Lucia D'Adda scrive:

      Ciao Kikka! All’incontro ci hanno detto che lo spray serve come prevenzione e va usato quando passa la fase acuta dell’otite, per ripristinare la flora intranasale. fai passare la fase acuta e poi comincia 🙂 In bocca al lupo!

    • mariarita scrive:

      Salve. Io ho usato per la prima volta rinogermina su consiglio dell ‘otorino quest’anno dopo che l ‘inverno dell’anno scorso ho avuto svariati episodi di sinusite. Quest’ inverno non ho avuto neanche un’episodio. Sento vivamente di consigliarlo.

  3. francesca scrive:

    Articolo molto interessante che mi accende un campanello d’allarme ; ho un bimbo di 5 anni che non vuole soffiarsi il naso , credo che sia un problema psicologico , il solo fatto di sternutire lo fa sentire sporco e se non sono solerte nel pulirlo gli vengono addirittura i conati di rigetto.. inoltre soffre spesso della rottura di capillari all’interno del naso cosa che credo complichi ancora di più il rapporto col fazzoletto mettendolo più a rischio di otiti.

    • Lucia D'Adda scrive:

      Credo proprio che tu abbia ragione. Durante l’incontro l’otorinolaringoiatra ci ha spiegato che il cosiddetto “gocciolamento nasale” o, come lo ha definito il dottore, il “rubinetto che perde” è la causa delle infezioni delle vie aeree alte. Tener pulito il naso è fondamentale, ma capisco che non sia facile per te. Sono tanti i bimbi che non amano soffiarsi il naso. Potremmo prendere spunto dal tuo commento per chiedere un parere al pediatra su come convincere i bimbi a soffiarsi il naso. Grazie!

Scrivi un commento