Da 26 novembre 2009 3 Commenti Leggi tutto →

Pannolino amico nel Bresciano: da luglio in quattro comuni kit ecologico in regalo

ADV

Dallo scorso luglio le future mamme di Concesio, all’ingresso della Valtrompia, ricevono prima del parto una lettera, scritta dall’associazione Eva, che propone l’utilizzo di pannolini lavabili, per tre diversi ordini di ragioni: per ridurre l’inquinamento ambientale (i pannolini usa e getta rappresentano il 15% dei rifiuti non riciclabili); perché i gel utilizzati per assorbire il bagnato sarebbero all’origine di dermatiti e anche, secondo alcuni studi, di infertilità maschile, a causa dell’aumento della temperatura intorno ai testicoli dovuta al pannolino; per risparmiare (tre anni di pannolini usa e getta equivalgono a circa 1500 euro di spesa).

Le famiglie che hanno aderito all’iniziativa (92 finora) hanno ricevuto gratuitamente il kit necessario, costituito da 24 pannolini di cotone e 3 mutandine impermeabili. Solo due di queste famiglie hanno desistito. Alle mamme è stato chiesto di tenere un diario su eventuali difficoltà incontrate, e il responso generale è stato estremamente favorevole: in particolare, il tempo impiegato per lavare e stendere risulterebbe essere di 20 minuti alla settimana, quindi ce la può fare anche una mamma che lavora e che non ha aiuti in casa; il bambino non resta bagnato; le camicie dei papà, anche se lavate insieme ai pannolini, escono pulite e profumate.

Sono ormai numerosissimi i comuni in Italia che regalano pannolini di stoffa, o offrono contributi per l’acquisto. Una nuova coscienza ecologica, complice anche la crisi economica, si sta facendo strada. Io, che ho iniziato a utilizzarli per i miei figli nel 2003, quando ancora erano un prodotto di nicchia, ne sono molto felice. Ogni tanto capita di leggere qualche buona notizia per l’ambiente, fortunatamente.

Fonte: www.repubblica.it

Immagini: www.genitronsviluppo.com

www.veruccia.blogspot.com

3 Comments on "Pannolino amico nel Bresciano: da luglio in quattro comuni kit ecologico in regalo"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. angela scrive:

    Salve a tutte,
    io voglio apportarvi la mia esperienza del tutto negativa.
    Mi ero documentata fra siti e riviste specializzate così, presa dall’entusiasmo nonostante il mio comune non mi sovvenzionasse nulla, ho comprato una quindicina di questi pannolini ecologici pocket (il mio ometto è nato in inverno ed avevo terrore che non si asciugassero) ciascuno con due inserti più un pacco di cinque inserti aggiuntivi spendendo introrno ai 370euro. Fin qui tutto bene.. arriva il pacco ed è tutto secondo ordine e immagine.
    Appena nato il bimbo è stato lui a testarli: dapprima ho provato con un solo inserto per non appesantire troppo il piccolo, risultato:la pipì fuoriusciva da tutte le parti. Poi ho provato con due inserti.. peggio che andar di notte.. la pipì fuoriusciva dall’interno coscia.
    Allora ho riprovato con un solo inserto cercando di far aderire quanto più possibile il pannolino alla pelle; risultato: girocoscia irritato dall’elastico del pannolino.
    Poi notavo che mia nipote (quasi coetanea di mio figlio) col pannolino “normale” resisteva 2h, il mio piccolo dovevo cambiarlo ogni 30min altrimenti cominciava a piangere e a dimenarsi per essere cambiato (il pannolino diventava pesantissimo). Questo di giorno e così la notte (causa primaria dello stress che mi ha portata a perdere il latte a 3 mesi secondo pediatra e ginecologo).
    Fatto sta che questo pannolino era continuamente bagnato e ne sarebbero serviti molti più di 15; per non parlare di schiena sempre umida per le fuoriuscite e cambi ripetuti a navette, cullette, ecc.. e continui raffreddori.
    A 4 mesi mi sono arresa e sono passata a quelli più diffusi… risultato: il bambino dormiva e dorme tutta la notte senza perdite di alcun tipo. I raffreddori sono svaniti e la schiena è umida solo quando suda.
    Inoltre tra la spesa iniziale e quella successiva per i pannolini normali credo di aver speso mooolto di più.

    • Livia scrive:

      Un cambio di pannolino ogni mezzora farebbe desistere anche la più volenterosa delle mamme…Certo che l’usa e getta ha una tenuta migliore e più duratura rispetto ai lavabili, però si può avere una tenuta discreta e accettabile anche con i lavabili. O hai preso dei pannolini scarsi, oppure il tuo bambino di pipì ne faceva davvero tanta! Mi spiace che tu ti sia trovata così male e che tu abbia buttato via tanti soldi.

  2. Serena scrive:

    W i pannolini lavabili!
    Ormai sono 13 mesi che li uso, già da quando il mio cucciolo Leonardo è nato!
    Io ho preferito gli AIO: troppo pratici!
    Peccato che il mio comune non abbia dato nessun incentivo…… Io li ho acquistati lo stesso perchè ne ero già straconvinta!!!
    Ma gli incentivi da parte dei comuni potrebbe aiutare molte più donne a capire che non è poi così complicato il loro utilizzo e spingerle ad usarli full time!
    Io segnalo il sito dove li ho acquistati io. http://www.universoecologico.it
    I video dimostrativi e l’aiuto di Rachele mi hanno indirizzato ad acquistare il pannolino giusto per me!

Scrivi un commento