Papà a 70 anni che ne pensate?

ADV

Mick Jagger

Mick Jagger diventerà presto papà a 70 anni.

Anzi per la correttezza 72 e sarà per lui l’ottavo figlio in una grande famiglia che conta: Georgia, James, Jade, Elizabeth, Lucas, Karis and Gabriel di età compresa tra i 45 e i 17 anni.

E se certamente l’età dell’attuale compagna, Melanie Hamrick, ballerina di 29 anni non suscita particolari commenti, il fatto che lui diventi papà a 70 anni racconta di un nuovo modo di intendere la genitorialità anche in età matura, attempata, avanzata…chiamatela come meglio credete.

Papà sempre più vecchi

Ho imparato dopo alcune gaffes memorabili ai giardinetti vicino casa mia di non dare mai del nonno o della nonna alle persone dall’aspetto anziano che accompagnano i bambini sullo scivolo o sulle altalene.

Anche perché oggi è diventato sempre più comune diventare genitori in età sempre più avanzata e non solo tra le rock star.

Pensate a Flavio Briatore sposato con la giovane Elisabetta Gregoriani da cui ha avuto il piccolo Nathan Falco a 60 anni, nel 2010. Oppure a Enzo Paolo Turchi, marito di Carmen Russo che è diventato padre di Maria, nel 2013, a quasi 64 anni.

O anche a Renzo Rosso che quest’anno è diventato padre per la settima volta, e nonno per la prima.

Non ci sono più i nonni di una volta

Il capello bianco e un bambino in braccio non identificano più i nonni ma anche i papà.
Del resto siamo in una società nella quale si diventa “grandi” sempre più tardi, si sperimentano interminabili età di mezzo, non si “invecchia” mai, l’età della vita continua ad allungarsi. E si protrae in avanti il tempo in cui diventare genitori.
Naturalmente padri e madri vivono in modo differente questa situazione. Le donne che hanno una fertilità che si riduce sensibilmente con l’età patiscono maggiormente la capacità procreativa mentre per gli uomini, data una compagna più giovane è molto più semplice diventare papà a 70 anni.
Dei papà più anziani e maggiormente responsabili forse. Dei papà a sentire i loro racconti più presenti, dediti esclusivamente ai figli e meno alla carriera.
Voi che ne pensate?

Scrivi un commento