Da 16 gennaio 2011 0 commenti Leggi tutto →

Parità tra uomini e donne: a Roma il convegno “Questione femminile, questione Italia”

ADV

L’Italia è ancora tra gli ultimi posti per quanto riguarda la parità tra uomini e donne, anche se forse negli ultimi anni qualcosa si è mosso e forse sta cambiando ma lungo è il cammino ancora. Le disparità sono molto più notevoli quando parliamo di lavoro, di occupazione, salari, orari di lavoro, accesso a posti di responsabilità ma anche in impegni familiari e domestici.

La crisi economica che il nostro paese sta vivendo naturalmente complica un po’ tutto. Le aziende che decidono di tagliare i costi molto spesso optano per lasciare a casa le donne che di conseguenza sono più “agevolate” nel caso di una ipotetica assunzione perché è più semplice poterle assumere con contratti di lavoro precari o part-time.

Molto spesso la mancanza di assistenza alla famiglia da parte dello stato fa sì che le mamme rinuncino a lavorare pur di seguire i figli mentre i papà, per riuscire a far “sopravvivere” la famiglia dignitosamente, devono lavorare il doppio di quello che le leggi consentono. Ma la mancanza di strutture e misure adeguate a conciliare la vita professionale e quella familiare può influire anche sulla scelta di una coppia di non avere figli e fa sì che le donne scelgano di diventare mamma alla soglia dei 40 anni. Infatti da una recente ricerca sembra che ormai siano più i bambini nati da inseminazione artificiale che quelli concepiti naturalmente.

Di questo e molto altro si parlerà al Convegno “Questione femminile, questione Italia” che si terrà Mercoledì 19 gennaio 2011 ore 15, a Roma presso il Senato della Repubblica, Sala Zuccari. Il convegno è organizzato dal comitato Pari o Dispare e alla discussione parteciperanno Emma Marcegaglia, Anna Maria Tarantola, Susanna Camusso, Emma Bonino, Anna Finocchiaro, Rosy Bindi, Maria Ida Germontani, Linda Lanzillotti e Luisa Todini.

Qui trovate il programma completo dell’evento!

Immagini:
cv-lavoro.org
umbriacronaca.it
gazzettadellavoro.com

Scrivi un commento