Da 21 agosto 2010 5 Commenti Leggi tutto →

Part-time, scelta ideale per la salute dei figli

ADV

Il contratto di lavoro migliore per la salute dei figli è quello part ime. Avere mezza giornata libera è il modo migliore per lasciare i bambini liberi e indipendenti e contemporaneamente avere del tempo per accudirli, i bimbi le cui mamme hanno un lavoro a tempo parziale, infatti, mangiano meno “schifezze”, guardano meno Tv e non diventano grassi. E’ il risultato di un lavoro condotto da Jan Nicholson del Melbournés Murdoch Children’s Research Institute.

Fa male, invece, alla salute dei bimbi, sia un contratto a tempo pieno sia una mamma che non lavora. E pare che faccia altrettanto male il ‘nonno-sitter’, ovvero l’affido, sempre comodo, fidato e soprattutto a costo zero, ai nonni del proprio pargolo mentre mamma è a lavoro.

Lo studio ha coinvolto 4500 bimbi in età prescolare la cui salute è stata monitorata per due anni. Gli esperti hanno visto che se mamma lavora in media un monte di 34 ore settimanali i bambini sono più spesso a rischio di divenire dei pelandroni, ‘sacchi di patate’, pigri e amanti del cibo spazzatura.

E fin qui la spiegazione sembra semplice: la mamma, lavorando a tempo pieno, ha meno tempo da dedicare all’educazione alimentare del figlio e per fargli svolgere attività. Meno chiaro invece è il motivo per cui i figli di donne che non lavorano, e che quindi sono sempre presenti, hanno problemi più o meno simili a quelli di mamme con lavoro a tempo pieno.

Voi cosa ne pensate? Siete mamme a tempo pieno, che lavorano tutto il giorno o part-time?

Immagini:
mcguirecoats.com
phonicreadingprogram.com
inkjetstar.com

5 Comments on "Part-time, scelta ideale per la salute dei figli"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Stefania scrive:

    Credo che il part time quando è possibile sia la scelta migliore, in questo modo la mamma ha il tempo per curarsi dei figli che apprezzeranno anche in futuro l’averla avuta vicina. Io purtroppo devo lavorare tempo pieno altrimenti non arriviamo a fine mese, e mi accorgo che la mia piccola di 3 anni sentye la mia mancanza ne soffre, e vede la figura materna in mio marito che il pomeriggio è a casa con lei (fa il postino). che dire è bello essere mamme ed è bellissimo fare la mamma spero di riuscire presto a permettermi un part time e crescere meglio mi afiglia!

  2. Yldiz scrive:

    Concordo con la notizia.
    Credo che un lavoro part-time aiuti la mamma a mantenere contatti con adulti che non sono solo genitori, ad essere più soddisfatta e ad evitare di investire tutto esclusivamente sul proprio figlio/i, pur avendo il giusto tempo per stare con lui/loro, fornirgli stimoli e condividere valori familiari… nonché per preparare un cibo più sano: stare 12 ore al girono fuori casa non aiuta certo le relazioni familiari nè garantisce il tempo per una cucina sana!

  3. Giuli mamma scrive:

    Dopo la nascita della mia seconda bimba ho fatto richiesta del part-time, consapevole di non riuscire a farcela a mandare avanti lavoro, casa e famiglia con il full time. Me lo hanno concesso, ma temporaneo e rinnovabile di volta in volta. Meglio che niente.
    Sarei disposta a cambiare lavoro piuttosto che cambiare orari (peraltro sono in ufficio fino alle 16.00).
    Dovrebbero disporre per legge il part-time per le mamme che ne fanno richiesta. Ne guadagnano in salute tutti i componenti della famiglia.
    Evviva tutte le mamme
    Giuli

    • silvia scrive:

      sono d’caccordo con te!
      io lavoro 8 ore 8.30-16.30 e ho due bimbi, di 8 e 2 anni. Molto spesso sono nervosa e stanca, vorrei passare più tempo con loro. Anche se sono molto attenta e presente quando sono a casa, a volte sento la mancanza di alcune piccole cose. Non è facile conciliare tutto. Spero che loro capiscano comunque il nostro amore!

  4. Mimma Suri scrive:

    Finalmente mi sembra una notizia carica di buon senso.

Scrivi un commento