Da 22 aprile 2010 4 Commenti Leggi tutto →

Parto indotto: ci sono controindicazioni?

ADV

Non sempre il travaglio comincia o finisce come dovrebbe. In questi casi, l’intervento medico può rivelarsi indispensabile per garantire la salute del bambino. Quando la futura mamma entra spontaneamente in travaglio, è perchè si scatenano una serie di cambiamenti ormonali e pressioni sui muscoli dell’utero, che stimolano l’espulsione. Il parto, però, può anche essere indotto.

Se si lascia fare alla natura, molte donne entrano in travaglio entro le due settimane precedenti o successive alla data prevista del parto. Solitamente l’evenienza più comune che porta alla decisione di indurre il parto è un forte ritardo dopo la scadenza del temine di gravidanza. Si reputa infatti, che oltre la seconda settimana dopo la data prevista del parto, la placenta potrebbe non essere più del tutto efficiente e che il bambino potrebbe risentire dello scarso apporto di ossigeno e nutrimento.

L’induzione è poi consigliata in caso di patologie mediche della madre, come la pre-eclampsia, o se il bambino rivela delle sofferenze, per esempio un battito cardiaco irregolare. Inoltre, se le acqua si sono rotte e il travaglio non comincia nell’arco delle 24 ore successive, il medico potrebbe sospettare di un’infezione. . In molti casi, è necessario ricorrere ai tre metodi insieme.

Molto spesso un travaglio indotto dura più a lungo del travaglio naturale, almeno per quanto riguarda la fase latente. In questo caso, quindi, dovrete prepararvi mentalmente. Alcune induzioni durano giorni, ma possono comunque esitare in un parto vaginale normale. Quindi non scoraggiatevi e cercate di distrarvi il più possibile nell’attesa della fase attiva. Inoltre molte mamme sostengono che le contrazioni indotte dall’ossitocina sintetica siano più forti, il che è possibile perché sono molto ravvicinate.

Quando i muscoli uterini si contraggono, l’afflusso di sangue alla parte si riduce, e conseguentemente anche l’ossigenazione muscolare. Fortunatamente, la somministrazione può essere interrotta alla comparsa di sintomi certi di travaglio avviato.

Immagini
health.discovery.com
buzzle.com
video.tellytube.in

4 Comments on "Parto indotto: ci sono controindicazioni?"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Silvia scrive:

    Parto indotto per ritardo di 10 gg (io anche avevo lo streptococco, nessuno mi ha detto che fosse una motivazione per indurlo), doloroso sì, ma quale parto non lo è? A me, sia in ospedale che la mia ginecologa avevano detto che pare più doloroso perché più improvviso… ma è anche più breve, mentre qui dite il contrario… Il mio in effetti non è durato molto, circa 4 ore ho fatto tutto. Ero preparata mentalmente e poi la bimba stava ingrossando troppo quindi era proprio necessario. Ogni donna e ogni in parto sono un’esperienza diversa, per cui è inutile fare paragoni. Molte donne hanno parti naturali dolorosi e lunghissimi. In ogni caso, appena visto la mia principessa… non ho capito più nulla 🙂

  2. Maria scrive:

    Il mio parto è stato indotto non per superamento del termine ( che scadeva il 1^ maggio e mia figlia è nata il 2) ma per la presenza dello streptococco. Quindi appena mi si sono rotte le membrane mi hanno somministrato l’ossitocina. Flebo alle 12… e Angelica è nata alle 22… altro che veloce! E tutto con contrazioni ravvicinatissime… mi sembrava di non avere nemmeno il tempo di respirare!!!

  3. lorenza scrive:

    Due figli e due parti indotti, per superamento dei termini massimi (negli ospedali della mia città il parto viene indotto 10 giorni dopo il termine previsto). Il primo con una specie di gel, ed il secondo con una strisciolina che rilasciava ormoni, è bastato una sola applicazione (anche a me avevano prospettato 24 ore, ma io avevo subito messo in chiaro che non sarei stata lì 24 ore in sala travaglio, che mi facessero il cesareo, piuttosto).

    • Paola scrive:

      … il mio secondo parto è stato indotto con gel in vagina… io non ero daccordissimo..più che altro non avevo voglia di farmi le probabili 24 ore di travaglio in una stanza con altre mamme… ma ormai erano trascorsi 10 giorni dalla data presunta…. anche per me è stato immediato… anche perchè ero già dilatata di 2 cm.. quindi era proprio questione di ore… induzione alle 12, bimba nata alle 15.30 … velocissimo..ma dolorosissiiiiimooo!!!

Scrivi un commento