Passaporto o carta d’identità per viaggiare all’estero con i bambini

ADV

La stagione delle vacanze è partita e anche quest’anno non si può fare a meno di un lungo promemoria per non dimenticare nulla e rendere il viaggio e la vacanza un momento di relax per tutta la famiglia. Nel post di oggi voglio segnalarvi una novità importante se pensate  di affontare un viaggio all’estero con i bambini: dal prossimo 26 giugno, precisa una recente nota del Ministero degli Affari Esteri, cambieranno le regole per l’espatrio dei minori.

Prima era possibile l’espatrio dei piccoli di casa purché iscritti sul passaporto dei genitori; invece, adesso, dovranno essere provvisti di un proprio passaporto individuale o una Carta Identità per i  viaggi in qualsiasi Paese del mondo che riconosce la Repubblica Italiana.

I nuovi passaporti saranno provvisti di microchip, e al compimento dei 12 anni del bambino, potranno essere acquisite anche impronte e firma digitalizzata.

Per la richiesta del passaporto del minore, è necessaria la firma e l’assenso di genitori presso l’ufficio in cui viene richiesto il documento. Necessaria anche la presenza del minore per autenticate le foto.

Nell’eventualità che uno dei due genitori non possa essere presente per la dichiarazione, basterà allegare una fotocopia del suo documento con la firma in originale e la dichiarazione scritta di assenso all’espatrio. Il passaporto per i  minori da 0 a 3 anni ha una validità triennale, dai 3 ai 18 anni ha validità quinquennale.

Con la carta d’identità invece è possibile ‘espatrio solo nei Paesi dell’Unione Europea ed è un documento che è possibile  richiedere anche subito dopo la nascita ed ha una validità triennale per i piccoli fino a 3 anni, 5 anni dai 3 ai 18 anni, 10 anni dai 18 anni in poi.

Scrivi un commento