Passeggini a Milano: la vita dura delle mamme

ADV

passeggini-milano-vita-mamme-metro

Uscire a fare una passeggiata con i bambini dovrebbe essere un piacere, passeggino o carrozzina e via al parco. Già, ma se abitate in una grande città come Milano, l’uscita con i pupi diventa più un’odissea che un piacere. Se poi bisogna girare con i piccoli sui mezzi, il più delle volte per necessità, allora l’odissea si trasforma in un incubo.

Mamme che sollevano passeggini con tanto di bebè dentro, che si sobbarcano un considerevole peso per scendere le scale che portano al metrò, viaggi impossibili sui mezzi di superficie, dove per regolamento i passeggini devono essere chiusi e dove non ci si riesce ad attaccare, la realtà nelle grandi città è questa.

Io che abito vicino a Milano e che ogni tanto prendo i jumbo di nuova generazione, tanto belli e di design quanto scomodi e pericolosi per gli anziani e non solo, mi chiedo come facciano quelle povere mamme che tentano di avventurarvisi. E quelle povere nonne che non sanno dove attaccarsi, perchè i sostegni sono messi ad un’altezza ideale solo per top models.

Le poche volte che dovevo prendere il metrò con carrozzina, pedana e figlia di due anni al seguito, cercavo solo le stazioni con l’ascensore. E per fortuna che dovevo viaggiare sulla metropolitana gialla…

Un articolo del corriere.it racconta la quotidiana odissea di tante mamme cittadine che ogni mattina partono slalomeggiando tra macchine, sollevando pesi, macinando scalini, finalmente arrivano alla meta dove lasciare i propri bimbi. La giornalista, mamma di tre figli, riporta in prima persona anche la sua esperienza e la soluzione, non proprio consona al codice della strada e alle norme per il trasporto dei bimbi in bicicletta: caricarsi la figliolanza su una bicicletta e avventurarsi sul marciapiede tra altre mamme terrorizzate.

Voi  come affrontate il trasporto dei vostri figli? Cercate di limitarlo al massimo: solo idilliache passeggiate al parco nel week end e poi un largo uso dell’automobile? Sopportate stoicamente e vi augurate che almeno tutto questo sollevamento pesi, oltre a farvi venire l’ernia, vi faccia perdere qualche grammo?

A noi di Blogmamma interessa molto la vostra opinione. Abbiamo infatti pensato a un sondaggio. Diteci cosa ne pensate e come vi organizzate!

[poll id=”44″]

Fonte:

ilgiornale.it

milano.repubblica.it

Postato in: Attrezzature, Bambino, Varie

5 Comments on "Passeggini a Milano: la vita dura delle mamme"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. giber scrive:

    Anche io abito a Milano. La mia paura più grande nel mio quartiere, sono le zingare e non lo slalom fra le macchine. Avere paura di ucire è ben peggio.
    Ciao Grazie
    Annalisa

  2. M di MS scrive:

    Io uso la M3, l’unica con l’ascensore. Per il resto mi arrangio come posso e faccio usare al figlio più grande un bel monopattino.

  3. Silvia scrive:

    io sono convinta sostenitrice dei mezzi pubblici. con la carrozzina prima e il passeggino poi ho usato moltissimo i famigerati jumbo e gli autobus, rivendicando il diritto alla zona per le carrozzine dotata di cinture di sicurezza. con sorriso e gentilezza ho sempre trovato chi si spostava e mi dava una mano a scendere. mai avuto un problema e, giuro, giravo tanto. dipende però anche molto dalle linee.

  4. Io ho da poco scoperto la bici. E’ vero, Milano è dura…però devo dire una cosa: i marciapiedi di Milano sono molto più ampi e comodi di quelli di altre città. Io vivo a Milano e quando vado a Genova (mia città di origine) soffro moltissimo: è assolutamente scomodissima e NON accogliente per mamme con bimbi. Quindi, Milano deve migliorare, ma stiamo già molto meglio di altre mamme!

  5. Livia scrive:

    Bici: per me resta il mezzo migliore, con bambini o senza bambini. Non potrei mai vivere senza bici a Milano.

Scrivi un commento