Da 7 gennaio 2013 1 commento Leggi tutto →

Perché le femmine sono più brave a scuola

ADV

le femmine sono più brave dei maschi a scuola

Le femmine sono generalmente più brave a scuola rispetto ai maschi: è un dato che tutti gli insegnanti, come pure i genitori di maschi e di femmine, possono confermare.

Alcuni ricercatori della University of Georgia e della Columbia University sostengono che le migliori valutazioni che ricevono le bambine a scuola derivano da un atteggiamento più positivo verso l’apprendimento di queste ultime rispetto ai maschi.

In particolare, le femmine hanno generalmente una maggiore attenzione, capacità di portare a termine un compito, autonomia nell’apprendimento, flessibilità e capacità organizzativa, oltre che un più marcato desiderio di imparare.

Uno degli autori dello studio, Christopher Cornwell, sottolinea che gli uomini stanno perdendo colpi rispetto alle donne. In particolare, negli Stati Uniti,

la percentuale maschile di iscritti al college si è abbassata negli ultimi anni, a differenza di quella femminile, ma se si risale sufficientemente a ritroso nel tempo, fino agli anni Sessanta e Settanta, la percentuale di donne che andavano al college era di gran lunga inferiore. Siamo arrivati al punto in cui le donne ottengono più del 60 per cento delle lauree conferite ogni anno.

Quello che manca, in questo studio, è una soluzione per ridurre tale discrepanza. Sono certa che i genitori dei maschi e gli insegnanti auspichino un livellamento verso l’alto, ovvero verso gli standard e i voti ottenuti in maniera percentualmente più cospicua dalle femmine.

Voi avete qualche suggerimento?

Livia

Fonti: www.iljournal.it

news.slashdot.com

Postato in: Asilo e Scuola, Bambino

1 Comment on "Perché le femmine sono più brave a scuola"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Sara scrive:

    Da quanto sapevo si tratta di un diverso modo di apprendere tra maschi e femmine. Le femmine sono più stimolate dai libri e dalla conversazione. I maschi preferiscono l’apprendimento attraverso strumenti audiovisivi.
    Sara

Scrivi un commento