Qual è la posizione migliore per dormire bene in gravidanza?

posizione migliore per dormire bene in gravidanza
I meravigliosi ed emozionanti nove mesi di gravidanza sono pieni di sorprese, anche se dietro l’angolo ci sono piccoli (a volte sostanziosi) malesseri che accompagnano le future mamme.
Per ridurre questi malesseri le ostetriche non si stancano mai di ripetere alle future mamme di imparare a conoscere le richieste e le esigenze del proprio corpo durante i tre trimestri che scandiscono il percorso verso il miracolo della vita.
Nei primi tre mesi non c’è ancora la pancia ma generalmente persistono: nausea, forte sonnolenza, bruciori di stomaco e stanchezza continua. Superati i primi tre mesi si entra nel secondo trimestre, in assoluto il migliore! La pancia comincia a vedersi e si è un’esplosione di energia, si potrebbe essere pronte a conquistare il mondo! Però ahimè cominciano i primi disagi legati alla “gestione” della pancia. Tante future mamme si chiedono: quali sono le posizioni per dormire meglio in gravidanza?
Se siete abituate a dormire a pancia in giù, questo è il momento giusto per trovare nuove posizioni per trascorrere la notte in serenità. Anche perché gli ultimi tre mesi saranno caratterizzati da risvegli continui per abituarvi ai ritmi di sonno e veglia che saranno scanditi dal bebè fin dalla nascita.

LEGGI anche: 5 consigli per dormire in gravidanza

Qual è la posizione migliore per dormire bene in gravidanza?

All’inizio della gravidanza potete continuare a dormire come avete sempre fatto senza dover sconvolgere le vostre abitudini. Con il passare del tempo e via via che la pancia comincia a crescere è bene iniziare ad assumere una posizione corretta nel sonno sia per voi future mamme sia per il vostro bambino. Ecco, se normalmente dormivate a pancia in giù, questo è il momento giusto per cambiare, anche perché inconsciamente troverete nuove posizioni durante il sonno.
Gli specialisti sono tutti concordi nell’affermare che la posizione migliore per dormire in gravidanza è sul fianco sinistro con le ginocchia piegate. Sì, specificano anche il lato perché è molto importante, infatti dormendo sul lato destro si rischia che l’utero prema sul fegato portando malessere alla mamma.
Dormire sul lato sinistro con le ginocchia piegate è l’ideale per trascorrere una notte serena. Questa posizione permette una migliore circolazione sanguigna verso l’utero, i reni e naturalmente il feto. Ancor meglio se per la notte userete cuscini morbidi da posizionare in mezzo alle gambe e dietro la schiena per mantenere la posizione.
Con il passare delle settimane vi accorgerete che vi sentirete sempre più scomode a dormire supine, ossia a pancia in sù, questo perché la pancia diventa sempre più pesante e vi sentirete opprimere sui polmoni non riuscendo a respirare bene. Inoltre nel secondo e terzo trimestre sono molto comuni i fenomeni di acidità e reflusso, per cui è assolutamente sconsigliato dormire a pancia in sù.

LEGGI anche: Crampi in gravidanza, come prevenirli e combatterli

Il nostro consiglio e quello degli esperti è di non scoraggiarvi se capiterà di passare alcune notti insonni, nonostante gli accorgimenti della posizione corretta per il sonno. Fa tutto parte del “gioco” per prepararvi al grande evento. La natura provvede a tutto e vi darà l’energia e la forza per affrontare questo periodo “faticoso”.

Godetevi questo momento meraviglioso e focalizzate la vostra attenzione non sui malesseri ma sulle tante emozioni che vivrete ogni giorno!

Scrivi un commento