Da 23 dicembre 2010 0 commenti Leggi tutto →

Pranzo di Natale: come apparecchiare la tavola

ADV

Avete già tutto organizzato per il pranzo di Natale? Avete pensato a cosa mangiare? E cosa servire per dolce? Per i regali sono sicura che ci avete già pensato! E la tavola? Come apparecchierete la vostra tavola? Se volete eccomi qui pronta a darvi le dritte giuste su come apparecchiare la tavola per il pranzo di Natale in modo chic! 😉

In linea di massima, un’apparecchiatura formale ed elegante dovrebbe puntare sulla qualità degli oggetti che la compongono, più che sulla loro quantità. Un eccessivo affollamento di posate, bicchieri e altri accessori la rende pesante e scomoda da fruire, oltre a suggerire l’idea che gli ospiti dovranno arrangiarsi nello scegliere gli strumenti adatti a ogni momento del pranzo.

Il tavolo

Al momento di decidere il numero degli invitati, fate un semplice calcolo, prevedendo almeno 50 cm di spazio per ogni commensale. Un’altra semplice e spesso trascurata operazione è un rapido controllo del numero di sedie disponibili, possibilmente uguali tra loro.

La tovaglia

La scelta della tovaglia è fondamentale: una tovaglia bianca di lino con piccoli ricami preziosi oppure di fiandra, di dimensioni e forma adatti al tavolo posseduto, è un passe-partout di cui rifornirsi senz’altro, perché si può abbinare facilmente a servizi da tavola classici, moderni e può sopportare lavaggi abbastanza energici. Ma a Natale si può anche osare con i classici colori del rosso e dell’oro (sempre che vi piacciano).

I tovaglioli

I tovaglioli, quadrati e coordinati alla tovaglia si possono disporre a destra, a sinistra  sopra al piatto, ma mai sotto alle posate.

I piatti

Soprattutto nelle occasioni eleganti il sottopiatto è irrinunciabile. Il piatto piano si pone subito sopra al sottopiatto; se quest’ultimo è d’argento o di acciaio, frapponete ai due un centrino di pizzo per evitare che si graffi. Nei piatti piani si servono i primi asciutti e i secondi. Il piatto fondo va in tavola solo se sono previste minestre in brodo. Il piattino portapane, da sistemare il alto a sinistra, prevede piccoli pani monoporzione, da reintegrare se occorre.

Le posate

Coordinate per stile con il resto dell’apparecchiatura, le posate si dispongono vicino ai piatti seguendo semplicemente il criterio d’uso. A sinistra si dispone la forchetta, poiché si usa con la mano sinistra, con i rebbi rivolti verso l’alto. Il coltello si dispone a destra, poiché si usa con la mano destra, con la lama rivolta verso il piatto. In successione si pone il cucchiaio, solo se sono previste minestre. Le posate da frutta trovano posto davanti al piatto, verso il centro del tavolo e con l’impugnatura verso la mano che dovrà utilizzarle. Il coltello sarà sistemato più vicino al piatto, la forchetta subito sopra il coltello. L’eventuale posata da dessert si dispone sopra alla forchetta da frutta, con l’impugnatura a destra.

I bicchieri

I bicchieri a calice, di vetro o cristallo trasparente soprattutto per i vini, si dispongono in alto, a destra, prendendo come riferimento la punta del coltello. Se sono previsti vini bianchi e rossi, per primo si dispone il calice da vino bianco, poi quello da vino rosso, leggermente più grande, e infine il calice da acqua. La flute da champagne andrà dietro agli altri.

Naturalmente al centro di una tavola non può mancare una decorazione che si armonizzi all’apparecchiatura. Mi raccomando però il centrotavola non deve essere né troppo alto o ampio da impedire la visuale tra i commensali e intralciare i movimenti, né troppo profumato, per non coprire i profumi di cibi e vini.

Immagini:
bhg.com
raftertales.com
elizabethannedesigns.com
tripadvisor.com

Postato in: Casa, Feste, Lifestyle, Natale
Tags:

Scrivi un commento