Da 5 agosto 2010 0 commenti Leggi tutto →

Prematuri: bambini a rischio di malattie respiratorie

ADV

I nati prematuri vanno in genere incontro a tutta una serie di rischi. Tra questi vi è anche la possibilità di sviluppare malattie dell’apparato respiratorio. È quanto suggerito da una nuova ricerca condotta dall’Università dell’Illinois a Chicago. A detta degli scienziati e del principale autore dello studio, dottoressa Judith Hibbard, i maggiori rischi li corrono i nati tra la 34 e la 37ma settimana di gestazione.

I ricercatori del Consortium on Safe Labor hanno appurato che i neonati partoriti a 34 settimane di gravidanza hanno ben 40 volte in più il rischio di sviluppare l’RDS, la Sindrome da Distress Respiratorio (conosciuta anche con il nome di Malattia della Membrana Ialina) che sopraggiunge quando i polmoni non sono sufficientemente sviluppati. Questo tipo di disturbo può causare complicanze respiratorie e neurologiche che permangono nel tempo. Spesso il neonato che sviluppa questa sindrome può andare incontro alla morte.

In contrasto con alcune precedenti ricerche, questo studio mostra che non vi sono aumenti significativi nel tasso di sviluppo di queste patologie respiratorie nei bambini nati alla 38ma settimana di gestazione, rispetto a quelli nati a 39 o 40 settimane. I dati sono stati ricavati da un database che raccoglie 233.844 nascite tra il 2002 e il 2008 presso 19 ospedali degli Stati Uniti. I ricercatori hanno mostrato preoccupazione per il numero di casi verificatisi negli ultimi anni che hanno mostrato un tasso in costante crescita.

Un bambino che sviluppa questo tipo di disturbi, fanno notare gli scienziati, necessita di un lungo ricovero ospedaliero e di cure che prevedono anche l’uso di antibiotici. Tra questi insorgono anche problemi di alimentazione e conseguente mancato aumento di peso. Oltre all’RDS, i nati pretermine possono sviluppare malattie come la tachipnea transitoria, la polmonite e l’insufficienza respiratoria.

.

Fonte: lastampa.it

Immagini:
alfemminile.com
digilander.libero.it
bergamosera.com

Scrivi un commento