Da 3 luglio 2009 0 commenti Leggi tutto →

Progetto “Operazione Scuola Sicura” in Togo

L’associazione culturale Afriaca ha lanciato qualche settimana fa a Milano la campagna “Operazione Scuola Sicura”, aprendo una raccolta fondi che si concluderà a ottobre. Grazie a questo progetto i ragazzi togolesi in età di scuola dell’obbligo, che non hanno mezzi materiali per frequentarla, riceveranno una borsa di studio che consentirà loro di portare avanti gli studi. Il costo di una borsa di studio è di 94 euro, e scegliendo di donare l’intera cifra si potrà seguire lo studente nei suoi progressi scolastici, tramite mail, telefono o corrispondenza cartacea. Non ci sono tuttavia vincoli sulla cifra che si sceglie di donare. L’idea di fondo del progetto è che l’unione fa la forza, quindi sarebbe già molto se ognuno di noi donasse solo 10 euro.

L’obiettivo è che nell’anno scolastico 2009 / 2010 cinquecento ragazzi possano portare avanti gli studi grazie alle donazioni raccolte.

Il tasso di scolarizzazione in Togo è calato drasticamente dal 1990 ad oggi, passando dal 95% al 73%. Il 53% degli adulti, in maggioranza donne, è analfabeta. Il 59% dei bambini frequenta la scuola primaria, ma solo l’11% quella secondaria. L’abbandono degli studi è legato sia al costo delle tasse scolastiche da pagare, sia alla necessità per molti bambini di contribuire al reddito familiare.

Strano è per noi pensare che lo studio – che da noi è un diritto, prima ancora che un obbligo, sancito dalla Costituzione – possa essere altrove un vero e proprio lusso. E’ importante essere consapevoli del fatto che ancora molte persone sulla terra non godono di quello che noi consideriamo scontato e acquisito da decenni, o addirittura da secoli. Se possiamo, quindi, ricordiamoci di Afriaca e del suo progetto a favore del Togo. Doniamo una borsa – o parte di una borsa – di studio a bambini e ragazzi che altrimenti rischiano di rimanere analfabeti o semianalfabeti.

Trovate a questo link altre informazioni sull’associazione culturale Afriaca e l’iban del conto corrente sul quale si possono fare le donazioni.

Immagine: www.afriaca.it

Scrivi un commento