Da 9 febbraio 2010 2 Commenti Leggi tutto →

Programmi TV per bambini: arriva la soap per le under 10. Che ne pensate?

ADV


Proprio ieri davanti a scuola una mamma di bambina settenne mi raccontava di come sua figlia ormai non guardi più i cartoni animati, ma sia dedita ai telefilm per ragazzi del calibro di High School Musical e Hannah Montana (che nel nostro lessico famigliare è stata fin da subito ribattezzata Hannah Montata). Per me, madre di un bimbo settenne che ancora ama guardare i Numerotti, è praticamente fantascienza. Eppure proprio oggi su La Stampa è apparsa un’inchiesta piuttosto interessante.

Secondo quanto apparso sul quotidiano torinese, infatti, i telefilm per ragazzi stanno via via erodendo lo spazio ai cartoni animati, coinvolgendo fasce d’età sempre più basse. Se fino a pochi anni fa High School Musical era roba da studenti delle Scuole Medie, oggi il bacino di fan di questo genere di serie TV si è ulteriormente allargato e comprende bimbi di 8 o 9 anni, e anche meno.  I sociologi hanno un nome ben preciso per questo fenomeno: adultizzazione dei bambini. Si tratta, cioè, della tendenza a considerare bambini sempre più piccoli alla stregua di pre-adolescenti, spingendo in questo modo sulla leva dei consumi (trucchi, vestiti, gadget, comportamenti “da grandi”). D’altro canto, gli adulti sono sempre più immaturi. Ed ecco allora che genitori e figli si ritrovano perfettamente in sintonia, a guardare Hannah Montata.

Non tutti la pensano proprio così, e non tutti i palinsesti dei canali digitali dedicati alla programmazione per bambini e pre-adolescenti seguono questa “filosofia di vita”: come ci insegna anche l’esempio della Melevisione, è possibile proporre programmi trasversali, che piacciano ai grandi ma al contempo salvaguardino i bimbi. Un esempio? La programmazione di Nickleodeon, o quella di Boomerang: proporre I pinguini di Madagascar o Scooby Doo è una scelta intelligente di coinvolgere sia i bimbi, sia mamma e papà.

Cosa ne pensate? Vale la pena proteggere i bambini (e le bambine, soprattutto) da questi film tv oppure è inevitabile lasciare che li guardino?

Foto: Blogs.bet.com, Trool.it,

Postato in: Lifestyle, Spettacolo

2 Comments on "Programmi TV per bambini: arriva la soap per le under 10. Che ne pensate?"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Vd88 scrive:

    in realtà anche in passato i bambini vedevano telefilm cone Beverly hills 90210 soap come Santa Barbara..oggi c’è Hanna Montana ma come modello non è molto diverso dalle Spice Girls che andavano molto tra le adolescenti degli anni 90 ma anche tra le bambine..io vedo che a tantissimi bambini insieme ai telefilm piacciono anche cartoni animati…l’essere adatto o meno per quanto riguarda certi telefilm dipende molto dalla personalità di chi li segue, sta alle famigle vedere anche come e se vengono influenzati i propri figli..non tutti reagiscono allo stesso modo e in molti casi possono semplicemente risultare una storia e un intrattenimento divertente senza che ci siano problemi anzi alcune cose possono costituire uno spunto per spiegare delle cose,comunque non capisco la novità visto che tra gli intrighi amorosi di santa barbara e beverly hills (dove si parlava anche di droga), ho letto l’articolo della stampa e trovo delle esagerazioni (come tante altre cose riportate da quotidiani, tg in generale) ma i bambini i cartoni li vedono lo dimostra il fatto che alle elementari ci sono molti che hanno zaini raffiguranti personaggi di cartoni animati, così come anche le letterine che arrivano nelle trasmissioni a loro dedicate dove è pieno di bambini che elencano o propri cartoni animati preferiti.

  2. christabel scrive:

    si, assolutamente! voto per i programmi per bambini che siano per bambini davvero…
    Da mamma in attesa però mi pongo diverse domande: partendo dal presupposto che non vorrei che mio figlio si adeguasse acriticamente alla massa, mi pongo il dubbio di come contrastare l’esempio dei compagni senza farlo sentire emarginato….

Scrivi un commento