Da 26 novembre 2009 0 commenti Leggi tutto →

Regali di Natale: terme o spa per le neomamme

ADV

Le terme o Spa non sono solo luoghi dedicati alla salute, ma veri e propri centri attrezzati, dove la neomamma può concedersi anche un breve soggiorno per coccolarsi, rilassarsi e iniziare a prendersi di nuovo cura del proprio corpo. Un tempo si chiamavano semplicemente “terme” e caratterizzavano specifiche località grazie alle proprietà terapeutiche delle proprie acque e alla cura di diversi problemi.

A partire dagli anni ’90 al concetto tradizionale di terme si è affiancato quello innovativo di benessere, ed oggi infatti si sente più spesso parlare di Spa, una sigla che deriva dal latino “salus per acquam” cioè “salute attraverso l’acqua”. Questi centri hanno allargato sempre di più la propria offerta di cure e trattamenti anche all’area del benessere, oltre che della salute, e si sono trasformati in veri e propri luoghi dove rigenerarsi sotto tutti i punti vista.

Iniziare un percorso di “remise en forme” alle terme può essere per la neomamma l’occasione per fare anzitutto un check up della propria figura, per mettere cioè a fuoco, con personale qualificato, quali siano le zone critiche che necessitano di trattamenti mirati. E’ un modo quindi per iniziare a prendersi cura del proprio corpo, da proseguire poi anche a casa. Se il soggiorno è breve (ci sono pacchetti anche per il week-end), non si può pretendere di ottenere risultati risolutivi, ma è pur sempre un inizio per rivedere la propria immagine di sé come donna, oltre che come mamma.

Regalarsi o farsi regalare un soggiorno termale, anche di pochi giorni, fa bene anche alla mente e all’umore in generale. La sensazione unica, dopo tanto tempo trascorso, prima con il pancione, poi ad accudire a tempo pieno il neonato, di tornare a occuparsi di sé fa sentire subito meglio proprio perché il vero lusso è il tempo che si riesce a dedicare a se stesse.

L’ideale è rimandare il soggiorno alle terme a dopo l’allattamento. Molti trattamenti, in realtà, si possono effettuare anche prima della fine delle poppate, avendo cura però di escludere la zona del seno. Tuttavia, si consiglia in genere di rinviare il soggiorno alla fine dell’allattamento, quando il corpo della donna, con la ripresa del ciclo, tende a eliminare, più che a trattenere, i liquidi come succede invece durante le poppate al seno.

Terminato l’allattamento, poi, la donna è in genere più libera dagli impegni, piuttosto intensi nell’arco della giornata, delle poppate e può concedersi più tempo per la cura di sé. Quindi sia dal punto di vista fisico sia da quello mentale, un soggiorno alle terme è più indicato in una fase in cui la donna non è così assorbita dalla propria funzione di mamma, ma torna di nuovo a pensare anche a se stessa.

Solitamente ciascun percorso viene individualizzato rispetto alle esigenze specifiche di ciascuna donna, sulla base di un check up iniziale dove si valutano i diversi problemi e la loro entità, praticato un percorso di benessere mirato per ogni neomamma. Infatti, i problemi del dopo parto sono diversi da donna a donna a partire dal peso, dalla tonicità muscolare, ma anche cellulite e smagliature che sono in genere i nemici principali da combattere, insieme al rilassamento dei tessuti soprattutto nelle zone di addome, gambe e seno.

Vediamo insieme qualche esempio di trattamenti più diffusi e utilizzati per le zone critiche del corpo dopo la gravidanza e l’allattamento.

Acquagym in piscina termale: divertenti esercizi di ginnastica svolti in acqua termale, a tempo di musica, a corpo libero o mediante l’utilizzo di manubri, palette, cavigliere o polsiere. L’acquagym è un’attività completa e i suoi benefici sono potenziati dallo svolgere gli esercizi in acqua termale, che un positivo effetto sul microcircolo (circolazione periferica) e sull’apparato cutaneo.

Trattamento rassodante seno: è un trattamento specifico per seno e décolleté, due zone messe in genere a dura prova dalla gravidanza prima e dall’allattamento poi, mirato a migliorare l’elasticità cutanea grazie ai principi naturali contenuti nei prodotti termali.

Massaggi localizzati: è possibile anche sottoporsi a trattamenti mirati, che si concentrano solo sulle aree critiche come gambe, addome e fianchi con effetto drenante, oppure schiena con effetto decontratturante e rilassante.

Massaggio anticellulite: è un particolare tipo di massaggio meccanico effettuato con l’ausilio di una sofisticata apparecchiatura che agisce in profondità sulla cellulite garantendo il miglioramento del tono e dell’elasticità della pelle e aiuta a eliminare lo sgradevole effetto a “buccia d’arancia”.

Linfodrenaggio corpo: si tratta di una particolare tecnica di massaggio completo che migliora la micro circolazione, aumentando nei tessuti periferici l’eliminazione delle tossine e dei liquidi in eccesso, che si sono accumulati durante la gravidanza e l’allattamento. Ha un effetto depurativo, diuretico e rilassante oltre che riducente.

Calco modellante: questo trattamento contrasta efficacemente gli inestetismi della cellulite e le adiposità localizzate. Sulla pelle vengono applicate con un massaggio essenze dall’effetto tonificante e rassodante, poi viene applicato un calco (fatto di acqua tiepida, estratti fossili e sali minerali) sulle zone critiche e si lascia in posa per circa 40 minuti. L’alternanza caldo/freddo determina un immediato effetto tonificante e riducente già dalla prima applicazione.

Immagini:
palladiohotelspa.com
forbestravelguide.com
bigskyresort.com
villalajamisa.com

Scrivi un commento