Da 7 febbraio 2011 0 commenti Leggi tutto →

Ricette dolci: panzerotti per Carnevale

ADV

Eccomi qui con un’altra delle tante ricette dolci ottime per Carnevale! Dopo i bomboloni o krapfen, proviamo insieme a fare i panzerotti ripieni di marmellata! Che bontà! A vederli viene proprio voglia di farli ma soprattutto di mangiarli 😉 Dunque, vediamo insieme cosa serve e come procedere.

Ingredienti:

  • 200 g di patate
  • 200 g di farina
  • 20 g di lievito
  • un uovo + un tuorlo
  • 150 g di burro fuso
  • 60 g di zucchero
  • sale
  • latte
  • confettura di albicocche

Lavate (e, se necessario, spazzolate per eliminare l’eventuale terriccio) le patate quindi lessatele con la buccia in abbondante acqua bollente. Controllate la cottura pungendole con uno stecchino: quando le patate sono morbide scolatele, sbucciatele ancora calde e passatele allo schiacciapatate facendone cadere la polpa in una ciotola ampia. Unite la farina, il lievito di birra diluito con mezzo bicchiere di latte tiepido, un uovo, il burro fuso, lo zucchero e un pizzico di sale. Impastate il tutto, formate una palla, mettetela in una terrina e copritela con un tovagliolo. Lasciate lievitare per un’ora in luogo tiepido.

Stendete la pasta con il matterello e ricavatene tanti dischetti servendovi della rotella dentata fatta passare lungo il bordo di un bicchiere. Al centro di ognuno mettete mezzo cucchiaio di confettura e piegateli a mezzaluna. Disponete i panzerottini non troppo vicini su placche da forno imburrate e infarinate e lasciate ancora lievitare per circa 30 minuti. Spennellate la superficie con tuorlo d’uovo sbattuto insieme a un cucchiaio di latte freddo. Fate cuocere in forno a 180/200° per 15-20 minuti. Spolverate con dello zucchero a velo e servite!

Se non vi piace la marmellata potete anche provare farcirli con una crema a base di ricotta, zucchero, scaglie di cioccolata e, se è di vostro gradimento, anche una spruzzatina di cannella. Bhè… provateli e poi fatemi sapere se vi è toccato rifarli 😉

Immagini:
cosacucino.myblog.it

Scrivi un commento