Risvegli notturni: quali sono le cause?

E’ normale che un bambino piccolo si svegli molte volte durante la notte, anche se non ha più bisogno di nutrimento notturno. Il risveglio dovrebbe durare pochi secondi o minuti.

Il problema nasce proprio quando questi risvegli ricorrenti diventano troppo frequenti, troppo lunghi in termini di tempo o se il bambino non è in grado di riaddormentarsi da solo e richiede l’intervento del genitore.

Quali possono essere le cause di questi frequenti risvegli notturni?

  • non è stata impostata una routine pre-nanna, che aiuta a regolarizzare il sonno ed a tranquillizzare il bambino, grazie alla ripetitività e all’abitudine.
  • il bimbo non si addormenta da solo al momento di andare a letto. Se si addormenta nelle braccia del genitore e si risveglia da solo nel suo lettino sicuramente si sentirà smarrito.
  • il bimbo ha fame perchè è abituato a mangiare durante la notte, anche se non si tratta più di una esigenza fisiologica.
  • il bimbo sta facendo qualche passaggio importante (gattonare, camminare, ecc) ed è più elettrico del solito.
  • c’è qualcosa che crea disagio: una malattia, ambiente troppo caldo o troppo freddo, tessuto del pigiamino non confortevole, pannolino bagnato o sporco, stanno spuntando i primi dentini
  • ha mangiato troppo prima di coricarsi e/o ha sete
  • sta vivendo la fase di ansia da separazione
  • troppo rumore e/o luce, o sbalzi di luminosità e rumorosità
  • ha perso i suoi oggetti transazionali, il ciuccio, il pupazzo preferito
  • ha vissuto emozioni forti subito prima di andare a letto o nella giornata (per esempio giochi molto movimentati prima di andare a letto), oppure uno spavento, per esempio una caduta (molto frequente se sta imparando a camminare)
  • è andato a letto troppo presto e quindi non è abbastanza stanco oppure troppo tardi ed è nervoso. Nei bambini piccoli è necessario rispettare il più possibile l’orario per la nanna, rientra anche questo nella routine!
  • è stata rafforzata l’ abitudine alla veglia notturna per esempio accendendo la luce durante i risvegli, proponendo giochi, chiaccherate, ecc..

Questi possono essere considerati come degli spunti per migliorare la qualità del sonno vostro e dei vostri bimbi.

E voi? Come gestite i risvegli notturni? Avete dei trucchi da consigliare?

Postato in: Nanna

1 Comment on "Risvegli notturni: quali sono le cause?"

Trackback | Commenti RSS Feed

Scrivi un commento

I dati che ti chiediamo di inserire nel form ci servono per identificarti e poter rispondere al tuo messaggio. Compilando i dati e inviando il form, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali che verranno trattati in modo conforme a quanto definisce il Regolamento UE 2016/679. Trovi l’indicazione del Titolare del trattamento e l’informativa completa a questo indirizzo: www.blogmamma.it/policy-sui-cookies/