Da 20 dicembre 2008 1 commento Leggi tutto →

Sacco Nanna: per dormire al caldo e restare coperti

ADV
Sacco Nanna con Bollicine Colorate

Sacco Nanna con Bollicine Colorate

Che fatica continuare a controllare i nostri bambini anche mentre, finalmente stanchi e provati dalle loro stesse acrobazie e monellerie, dormono! Muovendosi durante la nanna, continuano a tirare via le lenzuola, restano scoperti e rischiano, così, continui raffreddori. Questo problema è stato attentamente valutato dalle aziende, che hanno trovato una soluzione divertente proponendo semplicemente un’alternativa alle lenzuola. Quale?

Si chiama Sacco Nanna ed è una sorta di sacco, appunto, all’interno del quale infilare il bimbo che, così, durante la notte o il sonnellino pomeridiano, resterà sempre coperto.

Si chiude attraverso due bottoni a pressione applicati sulle spalline. I colori sono i più svariati, dalle fantasie giungla al monocromo, dalle righe alle bollicine. Anche i tessuti e i materiali sono diversi: ovviamente, i migliori sono quelli naturali o anallergici, come la lana o il cotone (a seconda della stagione).

I marchi che li producono sono, ormai, tanti, ma potrete acquistarli anche su Internet. I sacchi Grobag sono disponibili in tre indici di spessore, a seconda del calore che si desidera. Ovviamente, più alto è lo spessore, più caldo sarà il sacco. Per stabilire lo spessore, bisogna tener conto anche della temperatura della cameretta, e abbinare il giusto abbigliamento sotto.

1 Comment on "Sacco Nanna: per dormire al caldo e restare coperti"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Livia scrive:

    Utilissimi nelle case di campagna o di montagna, dove la notte fa davvero freddo, ma, nella nostra riscaldatissima (nostro malgrado) casa a Milano, tutte le volte che ho provato a infilare i miei figli nel sacco li ho trovati in un bagno di sudore…

Scrivi un commento