Salute bambini: Escherichia Coli, come difendersi?

ADV

Se ne parla da settimane  e i casi di decesso in Francia e in Germania aumentano ansie e preoccupazioni ma cos’è l’Escherichia coli? È una specie di batterio che normalmente vive nell’intestino dell’uomo e degli animali e non crea problemi, però alcuni ceppi invece causano infezioni acute.

Quello che ha colpito il Nord della Germania produce una potente tossina chiamata Vero-citotossina (Vtec):  che si sviluppa nell’intestino e attraverso la mucosa, passa nel sangue e colpisce il rene provocando la sindrome emolitico uremica. Portando ad un’insufficienza renale acuta che necessita la dialisi.

Purtroppo colpisce anche i bambini, l’infezione si contrae con il consumo di alimenti o acqua contaminati sono di solito i bovini che lo trasmettono a latte o carne. Se l’animale è portatore del ceppo patogeno può contaminare tutti i prodotti e l’ambiente dove vive.

Il primo sintomo dell’infezione, del ceppo più aggressivo, è la diarrea che nel giro di poche ore diventa emorragica, ancora non c’è una cura specifica e gli antibiotici usati per le gastroenteriti non sono efficaci. In Italia non sono stati segnalati casi di questo ceppo, però per stare tranquilli è importante seguire semplici regole igieniche da utilizzare quotidianamente.

Prima e dopo il contatto con alimenti crudi, lavarsi accuratamente le mani con acqua e sapone e asciugarle bene. La carne cruda va conservata in frigo lontano da frutta e verdura.
Per quanto riguarda frutta e verdura cruda vanno lavate accuratamente, meglio con acqua calda  strofinando energicamente per almeno 30 secondi, le uova  vanno consumate cotte e bevete il latte pastorizzato, carne ben cotta ad una temperatura di 70 gradi mantenuta per due minuti.

fonte: corriere.it

Scrivi un commento