Settimana 18 di gravidanza

Linea Nigra PregnancyCome cambia la mamma

Dal terzo mese in poi potrebbe comparire una linea scura, che va dall’ombelico al pube, denominata “linea alba” (o linea nigra): è una linea tendente al marrone, che  divide il pancione a metà. E’ dovuta semplicemente a una modifica della pigmentazione, legata a una maggiore stimolazione dei melanociti, le cellule della pelle che producono la melanina, il pigmento che dà il colore.

Anche nei e lentiggini possono diventare più scuri e, talvolta, più grandi e più numerosi, mentre sul viso possono comparire delle macchioline marroni, il cosiddetto cloasma o maschera gravidica. Dopo la nascita del bebè la linea alba, così come le altre colorazioni tendono a regredire spontaneamente, fino a scomparire nel giro di qualche mese.

Come cresce il bambino

Il bebè ora cresce rapidamente: il processo di ossificazione continua, si perfezionano le dita e iniziano a essere presenti le impronte digitali. Tra la 18 e la 24 settimana, si sviluppa il meccanismo di termoregolazione. Dopo la prima abilità (succhaire il pollice), come abbiamo visto nelle precedenti settimane, il bambino iniza a dare calci e prova ad afferrare (perlomeno il cordone ombelicale…).

Gli esami da fare

Solo se ritieni necessario, dietro parere medico, e se non è  già stata effettuata nel corso della 16 o 17 settimana, è possibile effettuare l’amniocentesi per la diagnosi della Sindrome di Down (e in generale di anomalie cromosomiche), di eventuali malattie metaboliche e patologie del tubo neurale (spina bifida, anancefalia).

Leggi anche lo Speciale: gravidanza, dizionario degli esami settimana per settimana

Dad kissing wife's bellyRicordati di…

…far entrare in gioco il papà: adesso che il pancione è più grande e il bimbo comincerà a muoversi, può accarezzarlo, parlare al bambino e dare alcune piccole attenzioni e un pizzico di serenità anche alla futura mamma… Tutto serve anche per cominciare a prendere consapevolezza che la famiglia sta cambiando e lui non è certo un “estraneo” al rapporto madre-figlio.


Scrivi un commento