Da 10 agosto 2009 0 commenti Leggi tutto →

Settimane gravidanza: 9. nona settimana

ADV

Io Mamma: il seno è diventato più grande e la vita si è ingrossata. E’ probabile che le piccole rughe del viso tendano a distendersi. Le gengive diventano più sensibili. Potrebbe gonfiarsi la ghiandola tiroidea.

Il mio bambino: l’embrione è lungo 13/17 mm e pesa circa 1 grammo. Il sesso è ormai stabilito, e si formano i gomiti e le prime articolazioni. Le cellule crescono rapidamente e altrettanto rapidamente l’embrione prende forma. Si stanno già differenziando le cellule che formeranno gli occhi e le orecchie. Inizia un’attività cardiaca, ovvero un’attività di quel tubicino che andrà a formare il cuore e che pulsa a circa 170 battiti al minuto!

Esami:

se non sono già stati effettuati durante la 7 o 8 settimana:
Emogruppo (o gruppo sanguigno)
Emocromo: per rilevare l’eventuale presenza di anemia, o la carenza di piastrine.
Effetto immunitario per varie malattie infettive quali: Sifilide, Epatite B, Epatite C, AIDS, Citomegalovirus. Toxoplasmosi, Rosolia.
HIV: Consente di monitorare il decorso dell’infezione dalla fase di sieropositività alla malattia (AIDS)
HBsAg: permette di individuare i portatori sani dell’epatite B
HCV: permette di individuare l’epatite C.
VDRL e TPHA: permette di individuare la sifilide.
Toxotest permette di controllare se hai o meno difese contro il toxoplasma.
Rubeotest permette di controllare se hai o meno difese contro il virus della rosolia.
Toxotest e Rubeotest, se negativi vanno ripetuti mensilmente per tutta la durata della gravidanza.
Ferritina: indica la mancanza di ferro.
Esame urine: serve per rilevare la presenza di eventuali alterazioni renali, di infezione delle vie urinarie e di sindrome diabetica.
Transaminasi: verifica la funzionalità del fegato.
Creatininemia: verifica la funzionalità del rene
Glicemia: un aumento eccessivo, può indicare la presenza del diabete.

Test di Coombs indiretto: permette di rivelare la presenza, nel sangue della mamma, di anticorpi potenzialmente nocivi per i globuli rossi del feto. Le donne Rh negative dovrebbero ripeterlo durante la gravidanza a cadenza mensile.
* Leggi anche lo Speciale: gravidanza, dizionario degli esami settimana per settimana

Cose da fare: è il momento di contattare un’ostetrica
Sicuramente la futura mamma avrà già contattato il proprio ginecologo per la prima visita! Ma c’è un’altra figura professionale, che può seguirla autonomamente, non solo nell’assistenza al parto a domicilio, ma anche durante la gravidanza, l’ostetrica che potrà accompagnarla anche durante il travaglio ed il parto concentrandosi su di lei.

Ringraziamo per la consulenza il Dottor Francesco Corsaro, specializzato a Torino in Ostetricia e Ginecologia. Dall’89 è Dirigente Medico di ruolo all’Ospedale Sant’Andrea di Vercelli.

Scrivi un commento