Da 23 ottobre 2010 2 Commenti Leggi tutto →

Singhiozzo neonato

ADV

Il singhiozzo è un fenomeno naturale e molto frequente soprattutto nei neonati, in quanto sembra dipendere per lo più dall’immaturità del sistema di coordinamento dei riflessi dell’apparato gastrointestinale. Già durante la vita prenatale il feto può singhiozzare e in tal caso dopo la nascita, il bambino sarà più predisposto a manifestare tale disturbo. Ciò comunque non implica alcuna conseguenza per la sua salute e in ogni caso la frequenza dei singhiozzi si ridurrà con la crescita.

Il singhiozzo è una contrazione improvvisa, involontaria e ripetuta del diaframma, cioè il muscolo che divide gli organi del torace da quelli dell’addome e che svolge il ruolo di regolare la respirazione contraendosi quando si inspira e dilatandosi mentre si espira. Questo spasmo si connette alla chiusura della glottide (la valvola nella gola che separa l’apparato digerente dalle vie aeree) e provoca un violento atto inspiratorio associato al caratteristico “hic”.

Tra le cause rientrano appunto l’immaturità del sistema di coordinamento dei riflessi dell’apparato gastrointestinale tipica dei primi mesi di vita, ma anche le variazioni di temperatura repentine, l’ingestione di aria da parte del piccolo (per esempio mentre beve il latte o piange con vigore) e il rigurgito, un disturbo comune nei neonati che consiste nella fuoriuscita di parte del latte ingerito dalla bocca a causa della ridotta tonicità del cardias (la valvola che divide esofago e stomaco) tipica di quest’età.

Cosa fare per farlo passare?

Dare al piccolo un cucchiaino di acqua tiepida per stimolare la deglutizione e regolare l’attività contrattiva del diaframma

Solleticargli in nasino per farlo starnutire. In questo modo di distende il diaframma accelerando la scomparsa del singhiozzo.

Offrirgli il seno o il biberon se il disturbo è iniziato durante la poppata. Riprendere il ritmo della deglutizione aiuta a regolare la respirazione e a risolvere il disturbo.

Farlo attaccare bene al seno infatti bisogna avere cura che la bocca del piccolo aderisca a tutta l’areola e non solo al capezzolo, se la mamma allatta al seno o facendo in modo di mantenere il biberon sempre inclinato e quindi la tettarella piena di latte in modo che non ingurgiti aria.

E voi mamme cosa fate per far passare il singhiozzo ai vostri piccoli?

Di seguito un simpatico video con la canzone “Il singhiozzo”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=3xp8eseZKp0&p=5FBFFEE3D5070524&playnext=1&index=6[/youtube]

Immagini:
enfant.com
parents.fr
dilatua.libero.it

2 Comments on "Singhiozzo neonato"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. betsabè scrive:

    la mia piccola è nata il 20 ottobre…e ha sempre il singhiozzo…povera…ma dura veramente poco.

Scrivi un commento