Da 29 ottobre 2008 2 Commenti Leggi tutto →

Somalia: un’adultera lapidata, un bambino ucciso: è, questo, un mondo civile?

ADV

Si chiamava Asha. Era una giovane donna di soli 23 anni. E’ morta ieri, in Somalia, barbaramente uccisa, lapidata. La sua colpa? Aver commesso adulterio: per questo è stata punita, secondo la legge coranica. Spesso ci illudiamo di vivere in un mondo moderno e civile...

Mi chiedo com’è possibile tollerare, in un mondo che si dice civile, un atto di una tale barbarie e disumanità.

Com’è possibile ignorare e dimenticare le donne che in altri posti del mondo sono private dalla libertà di pensiero e di parola, della libertà di esistere.

Vittime di ingerenze tra politica e religione, dell’ignoranza, dell’oscurantismo.

E come è possibile che si lasci che a fare le spese di tutto siano ancora una volta i bambini, come il bimbo ucciso durante la rappresaglia all’interno dello stadio in cui avveniva l’esecuzione, parte di un pubblico di spettatori accorsi per assistere allo “spettacolo” di una morte atroce e insensata.

Tutto questo, mentre ci illudiamo di vivere in un mondo moderno e civile…

Postato in: News e Gossip

2 Comments on "Somalia: un’adultera lapidata, un bambino ucciso: è, questo, un mondo civile?"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Rita Girotti scrive:

    Ho mandato parecchie volte la mia adesione alle petizioni fatte da Amnesty International… Non so che altro fare perché le cose a poco a poco possano cambiare in Somalia come in altri paesi… Cominciamo noi, anche nelle piccole cose a essere più tolleranti… Rita

  2. mely74 scrive:

    agghiacciante….

Scrivi un commento