Da 20 aprile 2010 0 commenti Leggi tutto →

Sono incinta. Come lo dico in azienda!

ADV

Ti senti diversa, decidi di fare il test: il risultato è positivo! La notizia viene subito condivisa all’interno della coppia, ma quando è il momento e il modo migliore per dirlo in azienda? In molti posti di lavoro l’annuncio di maternità è visto in termini negativi. Ma è sempre meglio annunciare con un certo anticipo la notizia della gravidanza al proprio datore di lavoro, sia perché dal momento della comunicazione scatta il divieto di licenziamento, sia perché in questo modo l’azienda può organizzarsi per tempo e trovare la persona adatta per sostituirti durante il periodo di congedo parentale.

Ma qual è il miglior modo per dare l’annuncio?

La cosa migliore è comunicare la novità in modo informale, se i rapporti con il datore di lavoro o il capo sono “amichevoli”, scegliendo magari un momento della giornata in cui è più rilassato. Di sicuro non sarà contento di sapere che una sua collaboratrice si assenterà per tanti mesi. Ma probabilmente basterà tranquillizzarlo sulle proprie intenzioni facendogli capire che comunque ci teniamo a rientrare puntuali al lavoro al termine del periodo di astensione.

Se invece non si ha molta confidenza con il proprio datore di lavoro allora sarà meglio richiedere un appuntamento per comunicare ufficialmente la nuova situazione. Naturalmente sarà preferibile parlare prima con il proprio capo e dopo con i colleghi per evitare che venga a sapere la notizia da voci di corridoio o che addirittura un collega in cerca di fare carriera cerchi di svilire un evento per voi tanto importante tanto più che sicuramente approfitterà della vostra assenza per assumere le vostre mansioni.

Per questo motivo è consigliabile, durante il congedo, mantenere comunque i contatti con l’ambiente di lavoro, con il capo e con i colleghi, informarsi sulle novità con qualche telefonata. E, magari, andare a fare una visita in ufficio per mostrare il pancione e, dopo il parto, il bebè. Questo atteggiamento servirà a tranquillizzare sull’interesse e le intenzioni della futura mamma e aiuterà la donna a non recidere i legami con la sua vita professionale.

Ma se ancora prima dell’annuncio della gravidanza, la futura mamma viveva una situazione di tensione e di insoddisfazione la gravidanza può essere una buona occasione per riflettere, interrogarsi su ciò che si vuole dal proprio lavoro, prendere le distanze da una situazione che poco gradevole e, se lo si ritiene opportuno, considerare la possibilità di cercare nel frattempo un nuovo impiego!

Immagini:
images.com by Design Pics
images.com by Image Source
images.com by GoGo Images

Scrivi un commento