Da 27 ottobre 2010 0 commenti Leggi tutto →

Sorridere, lo facciamo in sei modi diversi

ADV

Sorridere, fa bene a noi e a chi ci guarda! Mette buonumore, allegria e se lo si fa o riceve all’inizio della giornata, allora potremmo dire “Chi ben cominicia e a metà dell’opera” 🙂 Dunque facciamolo sempre di più! Sorridere fa bene!

Soprattutto ora che i ricercatori dell’Università della California hanno accertato che ognuno di noi sorride in sei modi diversi! “Come?!” direte voi … (e me lo sono chiesta anch’io) “Sei modi diversi?!?!” Ebbene, i sorrisi sono stati descritti e “catalogati” in sorrisi “self-oriented”, ossia rivolti a se stessi tra cui abbiamo:
il “sorriso Duchenne”, considerato un vero sorriso, genuino e che prende il nome dello scienziato Duchenne de Boulogne ed è associato al morbo che è una forma di distrofia muscolare;
il “sorriso civettuolo” e il “sorriso timido” che solitamente si fanno osservando con la coda dell’occhio, molto spesso si tende a girare la testa esprimendo divertimento, oppure quando si prova a reprimere una risata dopo una simpatica battuta solitamente accompagnato dal movimento della testa all’indietro.

In contrapposizione a quelli autocelebranti ci sono i sorrisi fatti con sincerità, quelli spontanei insomma e sono:
il “sorriso d’amore” a cui si associano sguardo dolce e testa inclinata ma anche abbracci e coccole;
il “sorriso interessato” con sopracciglia sollevate e labbra all’insù;
il “sorriso imbarazzato” con sguardo e a volte anche la testa rivolta verso il basso.

Voi quale tipo di sorriso usate di più 😉

Immagini:
pixdaus.com
parkermcdaniel.com
jaxdentistry.com

Postato in: In famiglia, Psicologia

Scrivi un commento