Da 4 maggio 2012

Festa della mamma: lavoretti, biglietti d’auguri, filastrocche

 

La mamma è sempre la mamma: può sgridare, essere severa e magari un po’ invadente. Può essere a disposizione 24 ore su 24 o essere un po’ part time. Può amare giocare e cucinare o, invece, non poter soffrire parchi giochi e supermercati. La mamma può essere tutto e il contrario di tutto, ma quanto le vogliamo bene! Quanto la cerchiamo, quanto ne sentiamo la mancanza!
Ecco perchè la festa della mamma non poteva non avere uno Speciale, perchè la mamma si merita lavoretti, regali, biglietti, poesie, dolci e fiori da parte di tutta la famiglia! Noi, ovviamente, vogliamo aiutarvi nell’organizzare una festa coi fiocchi. 🙂

Come ogni Speciale, ci piace iniziare con qualche cenno a storia e tradizioni, tanto per dare un senso in più a ciò che festeggeremo.

 

STORIA

Come molte feste, potremmo vedere le origini della festa della mamma nei riti pagani legati al culto della divinità della fertilità. Nel momento del passaggio tra l’inverno e l’estate, si festeggiava il rifiorire della terra e se ne augurava l’abbondanza di frutti.

La prima festa della mamma in epoca moderna si ritrova nell’Inghilterra del XVIII secolo, dove si diffuse la tradizione del Mothering Sunday, ovvero dei festeggiamenti per le mamme, alle quali venivano offerte delle rose rosse e un tipico dolce. La data di questa festa coincideva, generalmente, con la quarta domenica di Quaresima.

In America, invece, la festa della mamma è stata istituita nei primi del ‘900 come espressione pubblica di amore e gratitudine per le madri e speranza per la pace. La data decisa è la seconda domenica di maggio. Dall’America la festa si diffuse anche in molti altri Stati.

In Italia fu celebrata per la prima volta il 12 maggio 1957 da un parroco di Assisi, che mantenne la festa la seconda domenica di maggio, anche perchè queato è il mese dedicato alla Madonna, la mamma di Gesù.

Da tanto tempo, quindi, le mamme hanno una festa a loro dedicata e i bimbi hanno creato regali e lavoretti con le loro mani. Vogliamo vederne alcuni da prendere come spunto? Eccoli!

 

LAVORETTI PER LA FESTA DELLA MAMMA

Alla mamma piacciono certamente i fiori. Un regalo gradito sarà quindi una bella pianta fiorita sistemata in un vaso decorato dai bimbi, ecco di seguito qualche idea. Si possono riciclare le latte della salsa o delle pesche sciroppate: una bella mano di tempera (smalto o acrilico è meglio), tanta fantasia e il gioco è fatto!

In senso orario:

vaso di vetro  personalizzato con un disegno dei bimbi ritagliato e incollato auntpeaches |vasi colorati con le tempere candacetodd.blogspot | un barattolo di latta ornato con un nastro chasingfireflies.typepad | bellissimi tulipani fatti con l’origami minicuties

Dopo i fiori  a tanti altri lavoretti, ecco alcune idee a cui ispirarsi:

Da sinistra a destra:

braccialetti di feltro con bottoni e perline soduel.blogspot | un cuore fatto con il das come portagioielli laughpaintcreate.blogspot | i segnalibri con la fotografia dei bimbi reademandleap

 

Tutti questi lavoretti possono diventare dei bellissimi regali. La mamma che li riceverà sarà felicissima, ma perchè il regalo sia perfetto bisogna anche preparare un biglietto. Vediamone alcuni insieme, allora!

 

BIGLIETTI PER LA FESTA DELLA MAMMA

 

 In senso orario:

corolle colorate con un bottone incollato scrapbooksetc | un biglietto pop up thecraftsdept.marthastewart | con la tecnica dello scrapbooking si possono realizzare tanti biglietti scrapbooksetc | un biglietto disegnato dai bambini con scritte le particolarità della mamma lessonplansos.blogspot |

E nei biglietti cosa possiamo scriverci? Vediamo quindi qualche poesia, frase e filastrocca che potremmo inserire nei biglietti e, magari, far imparare a memoria dai bimbi!

FILASTROCCHE, FRASI E POESIE

Dove prendere le filastrocche più belle per la mamma se non dalle nostre amiche di Filastrocche.it? Ecco un assaggio di tutto ciò che potrete trovare nello speciale dedicato a questa festa.



Ho fatto un mazzolino,
coi fiori del giardino,
li ho colti stamattina,
insieme al mio papà.

Sono i fiori per la tua festa,
cara mamma eccoli qua.

Una rosa perchè ti voglio bene,
una viola perchè sarò ubbidiente,
un papavero, non so perchè,
un non ti scordar di me.

Un mughetto insieme ad un gelsomino,
da quest’oggi sarò sempre più buono,

na primula vuol dire che,
il primo pensiero sei per me.

Qualche ciclamino,
perchè dimentichi che sono biricchino,
un girasole, una margherita,
perchè tu sei il fiore della vita.

 

Ho fatto un sogno molto bello
ero la regina di un castello,
le pareti erano di cioccolato,
il soffitto di caramellato;
c’eran giocattoli a volontà
e dolciumi di ogni bontà.
Ma non c’era la fata Turchina
che mi dava un bacio sera e
mattina,
che mi stringeva forte al petto
e mi curava con tanto affetto.
No,non era un sogno bello,
non vorrei vivere in quel castello.
Un castello più bello c’è:
è il tuo cuore mamma
colmo d’amore tutto per me.

 

Ho pregato un poeta di farmi una poesia
con tanti auguri per te, mammina mia;
ma il poeta ha risposto che il verso non gli viene;
così ti dico solo:
Ti voglio tanto bene!

 

Per la mamma, (di G.Rodari)

Filastrocca delle parole:
si faccia avanti chi ne vuole.
Di parole ho la testa piena,
con dentro “la luna” e “la balena”.
Ma le più belle che ho nel cuore,
le sento battere: “mamma”, “amore”.


Ecco invece qualche qualche poesia e qualche frase dedicate alla  mamma:

Una buona madre vale cento maestri  – Giovanni XXIII

La parola MADRE è nascosta nel cuore e sale alle labbra nei momenti di dolore e di felicità, è come il profumo sale dal cuore della rosa e si mescola all’aria chiara.  – Kahlil Gibran

“Mamma” la parola più bella sulle labbra dell’umanità – Kahlil Gibran

La mamma
La mamma non è più giovane
e ha già molti capelli
grigi: ma la sua voce è squillante
di ragazzetta e tutto in lei è chiaro
ed energico: il passo, il movimento,
lo sguardo, la parola

Ada Negri

Grazie Mamma

Grazie mamma
perché mi hai dato
la tenerezza delle tue carezze,
il bacio della buona notte,
il tuo sorriso premuroso,
la dolce tua mano che mi dà sicurezza.
Hai asciugato in segreto le mie lacrime,
hai incoraggiato i miei passi,
hai corretto i miei errori,
hai protetto il mio cammino,
hai educato il mio spirito,
con saggezza e con amore
mi hai introdotto alla vita.
E mentre vegliavi con cura su di me
trovavi il tempo
per i mille lavori di casa.
Tu non hai mai pensato
di chiedere un grazie.
Grazie mamma.

Judith Bond

 

Eccoci giunti alla fine: abbiamo tutte le carte in regola per rendere felice la mamma. Buona festa a tutte!

Scrivi un commento