Storie di mamme: ha dato la vita a suo figlio tre volte!

ADV

midollo-osseo

Una storia di grande amore e di coraggio: un gesto naturale per Simonetta Severi, 54 anni che per due volte ha ridato la vita al figlio. Nel 2003 si era sottoposta ad una donazione del midollo osseo per combattere una grave forma di leucemia che poteva ucciderlo.

L’operazione da esito positivo tanto che sei anni dopo i medici dichiarano la remissione completa della malattia. In seguito a complicazioni urologiche causate dalla chemioterapia ed una conseguente insufficienza renale grave, Matteo, oggi 29 anni, deve ricorrere alla dialisi tre volte a settimana.

E così per ridare una speranza al figlio Simonetta si sottopone ad un operazione di donazione del rene: il lungo e doppio intervento è durato otto ore ed è stato eseguito dall’equipe di Nefrologia delle Molinette diretta dal professor Giuseppe Segoloni: madre e figlio erano in due sale operatorie vicine l’operazione è perfettamente riuscita e poiché la madre le aveva donato alcuni anni fa il midollo non si resa necessaria la terapia anti-rigetto perché come spiega il dottor Bretto  il sistema immunitario del ragazzo, derivato dalla mamma, non riconosce il rene trapiantato come “ostile”.

Alle Molinette la chiamano “madre coraggio”, ma lei sorride e dice

che per un figlio si fa questo e altro, che è una cosa spontanea, qualunque madre lo farebbe. Vivere con un rene solo? I medici mi hanno detto che dovrò avere qualche cautela in più. Vuol dire che finalmente mi riposerò un po’.

Adesso Matteo è in terapia semi-intensiva, mentre la madre è ricoverata in Nefrologia. Madre e figlio resteranno ricoverati alcuni giorni alle Molinette. Poi potranno tornare a casa.

Fonte:
lastampa.it

Immagini:
ecodibergamo.it

Postato in: Storie di Mamme

1 Comment on "Storie di mamme: ha dato la vita a suo figlio tre volte!"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Elisabetta scrive:

    Una donna da ammirare. Una mamma davvero eccezionale. Non solo ha trovato la forza di stare vicino a suo figlio in momenti davvero difficili della sua vita ma gli ha donato parti di se stessa. Un esempio per tutte noi!

Scrivi un commento