Tacchi a Cavallo, la storia di una mamma piena di passioni

tacchi-a-cavallo-foulard

Una mamma, una imprenditrice e una giovane donna con una grande passione. Ecco chi è Martina aka Tacchi a cavallo, blog che oscilla con eleganza tra fashion, lifestyle e mondo equestre. Abbiamo incontrato Martina in occasione del prossimo evento che si terrà sabato 8 aprile dalle 10.30 alle 12 presso il Centro Ippico di Milano, in via Fetonte 21. Un evento dedicato innanzitutto ai bambini, che avranno anche la possibilità di provare ad andare a cavallo, nel quale Martina presenterà la sua nuova avventura: una collezione di elegantissimi foulard di seta a tema equestre. Qualche domanda per raccontare la propria storia e un invito a tutte, mamme e bambini, a partecipare sabato a questa festa.

Perchè Tacchi a cavallo? 

Il progetto nasce tre anni fa dalle mie due passioni per il mondo equestre e per la moda, quando ho deciso di dare vita a un blog, Tacchi a Cavallo, oggi divenuto una start up che sposa i principi del piccolo artigianato italiano.

“Tacchi” è un parola che rimanda all’inconfondibile stiletto femminile e dunque a un mondo glamour, all’immagine di una donna moderna, elegante e indipendente, ma anche molta ironia e un tocco di irriverenza. “Cavallo” per me racchiude invece il legame con la mia terra, un messaggio ispirato ai valori del mondo equestre e della natura che rimanda ad un approccio olistico verso la vita ereditato dalla mia famiglia, la necessità di sentire uno stato di benessere e di equilibrio, in cui ogni elemento incontra l’altro per valorizzare sia il corpo che la mente. E la “a” è fondamentale perchè sottolinea il giusto mix tra i due, un messaggio che ho fatto mio, di vivere la vita da protagonista, quindi di cavalcarla, ma con un pizzico di glamour, un tocco di leggerezza e ironia!

Tacchi a Cavallo Martina

Chi è Martina? Raccontaci di te

Sono romana, cresciuta in campagna nel verde del Parco di Veio, tra Sacrofano e Formello, un territorio meglio conosciuto come “Terra di Cavalli” per la tradizione equestre secolare che oggi trova la sua massima espressione grazie all’alta concentrazione di servizi a misura di cavaliere: allevamenti, artigiani, sellai, strutture e associazioni sportive, turismo equestre e molto altro. Il legame con una terra così ricca di bellezza e maestria artigianale ha sicuramente influito sul mio interesse per la natura e il mondo equestre, per la realizzazione di prodotti di qualità e la moda più in generale.

Sono una donna dinamica, curiosa e determinata. Per questo, pur avendo effettuato studi in un settore completamente diverso dal fashion, ho scelto di confrontarmi con il mondo della creatività. Fin da bambina ho sempre sentito un’attrazione irresistibile per gli abiti e gli accessori artigianali, per i mix tra i tessuti e i colori.

La passione per i cavalli e quella per la moda. È da questo connubio che è nata la tua nuova avventura creativa? 

Sì, è un connubio che fa parte di me da sempre, che mi ha trasmesso la mia famiglia. Mia mamma è istruttrice, allevatrice e addestratrice di cavalli oltre che sarta per passione, e da lei ho ereditato l’amore per gli animali e l’entusiasmo per la realizzazione di prodotti artigianali. Oltre ad essere una passione, che amo ogni giorno di più, è anche un’ispirazione fortissima, che mi porta a non fermarmi mai, a spingere i confini della creatività.

Un’avventura che nasce soprattutto dall’incontro tra la mia passione e il mio spirito imprenditoriale, anche se sicuramente l’evento che ha contributo a dare la spinta decisiva è stata la maternità. In quel momento ho sentito così tanta forza e consapevolezza che ho superato ogni reticenza ed ho deciso di buttarmi a capofitto nel progetto di realizzare una collezione di foulard tutta mia.

Il foulard è un accessorio elegante e raffinato, ma allo stesso tempo comodo e pratico. Quando l’ho realizzato ho pensato soprattutto a una donna come me, una mamma, una sportiva, una manager ma anche una stilista; una donna multitasking, moderna, curiosa, pratica, ma anche sofisticata.

Tacchi a Cavallo Martina e foulard

Ci racconti anche il cuore solidale della tua collezione di foulard e del perchè hai deciso di sostenere il progetto di ippoterapia di Fienile Animato?

Ho voluto dare al progetto un valore etico speciale, dedicato alle donne che hanno incontrato il tumore al seno durante il loro percorso di vita. Il 5% del ricavato delle vendite dei foulard di Tacchi a Cavallo sosterrà i progetti di equine therapy per le pazienti oncologiche di Fienile Animato della Dott.ssa Beatrice Garzotto, che aiuta le donne a esplorare le proprie emozioni e a riprendere in mano le redini della propria vita, attraverso la connessione con il cavallo.

L’esperienza personale, vissuta da giovanissima, di un tumore all’ovaio, superata a livello emotivo anche grazie all’amore per questi splendidi animali, ha fatto sì che mi sentissi particolarmente vicina al lavoro della Dott.ssa Beatrice Garzotto; da questa vicinanza nasce la volontà di sostenere la sua Onlus per realizzare innovativi programmi di psicologia assisitita con il cavallo per il benessere delle donne.

Sabato ci sarà la presentazione della tua nuova collezione. Un evento dedicato alle mamme e ai bambini, l’hai pensato così perchè anche tu sei mamma? 

Sono neo mamma di un bimbo di un anno e mezzo e questo ha sicuramente influito nel progetto che è nato proprio con la gravidanza e la maternità. Il legame tra mamma e figlia è forte e si esprime anche condividendo stili e accessori. Per questo ho voluto dedicare due modelli di foulard alle ragazze e alle bambine, per creare un continuum negli accessori glamour della mamma.

Il tuo bimbo, seppur piccolo, ha già familiarità coi cavalli?

Mio figlio adora i cavalli, forse gli ho già trasmesso l’amore per questi splendidi animali o forse c’è l’ha innato. È già salito in groppa a un pony con la nonna, mia mamma, ma era ancora troppo piccolo per tenersi da solo. Non c’è un’età giusta per iniziare, è come imparare a camminare, quando si tiene da solo è pronto. Questa estate proverò di sicuro, con l’aiuto della nonna istruttrice.

Grazie, Martina! Ci vediamo tutti all’evento.

tacchi a cavallo evento

Scrivi un commento