Un regalo per la mamma: figlia dona un rene alla madre per salvarle la vita

ADV

trapianto-rene

Ammalata da più di dieci anni la signora  Kanchan Bhagat era affetta da una malattia molto grave: Una disfunzione renale devastante che avrebbe potuto portarla alla morte. La signora Bhagat non pensava assolutamente che la sua speranza di salvezza sarebbe stata sua figlia Swati.
Quando la sua malattia nel 2010 è improvvisamente degenerata il gesto coraggioso della figlia che le ha donato un rene le ha ridato una speranza quella di continuare a vivere

Ed il Sun adesso racconta

“ i medici dissero che sarebbe potuta morire senza un donatore, e la figlia non esito a farsi operare entrambe hanno dovuto subire un’operazione di due ore e sono state rilasciate dall’ospedale proprio il giorno della Mamma l’anno scorso”.

La figlia Swati è adulta ed è sempre stata consapevole dei rischi dell’intervento perché è un paramedico e adesso sollevata racconta:

“Scoprire che tutto è andato  bene proprio la domenica della mamma è stato il miglior regalo che potessi avere. Quando mi sono proposta di donarle un rene, all’inizio lei era disposta a tutto pur di far sì che io non rischiassi la vita per lei. Ma non avrei accettato un no come risposta”.

Dopo un anno mamma e figlia stanno bene e possono ricordare un momento difficile superato con coraggio che ha ridato la speranza di continuare a vivere.

Fonte:
giornalettismo.com

Immagini:
medicinalive.com

Postato in: Storie di Mamme

2 Comments on "Un regalo per la mamma: figlia dona un rene alla madre per salvarle la vita"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Gorizia scrive:

    Una storia a lieto fine!! Complimenti al coraggio della figlia.
    Purtroppo per fare un gesto del genere il marito giovanissimo di una mia amica è morto, mentre il padre è in vita con il rene del figlio! Una tragedia sulla tragedia!

    • Riccardo scrive:

      Ciao, posso chiederti per quali cause è morto il marito della tua amica? Se durante l’intervento, per imperizia dei chirurghi o per quale altro motivo.

      Grazie mille
      Riccardo

Scrivi un commento