Da 22 marzo 2010 7 Commenti Leggi tutto →

Vestiti in affitto: non lavi, non stiri, cambi abito tutti i giorni!

ADV

Mamma in carriera? Vestiti con eGo (Ecologico Guardaroba Organizzato). Ma anche se non sei una mamma o se non sei in carriera. Il guardaroba di una donna è spesso una nota dolente. Si ingrassa, si dimagrisce, cambia la stagione, si vuole indossare qualcosa di nuovo, si è stanche di lavare e stirare. In aiuto delle donne arriva un’ interessante iniziativa, tutta italiana e tutta al femminile! Nata da un’idea di Vittoria Bono, a Milano e a Brescia (ma speriamo presto anche in altre città) è possibile infatti noleggiare i vestiti 7 giorni. Non fatevi ingannare dalla parola noleggio. In realtà si tratta di partecipare a una condivisione di abiti sottoscrivendo un abbonamento, grazie al quale è possibile scegliere  dal fornito guardaroba i vestiti per una settimana, trovandoli sempre “freschi di tintoria”.

Su appuntamento le clienti si presentano una volta alla settimana all’interno dell’atelier, ritirano 7 capi di abbigliamento (che possono essere pantaloni, camicette, gonne, abiti interi o maglie). Ricevono gli abiti scelti all’interno di in un porta abiti e, dopo averli usati, liriconsegnano in atelier la settimana successiva.

La collezione si compone di 5 taglie (dalla 40 alla 48) per ogni modello (120 autunno/inverno e 120 primavera/estate) e prevede 8 differenti stili (tecnico, romantico, casual, folk, classico, glam, dandy, sport).
Alcuni dei principali vantaggi dell’innovativo servizio offerto da e.G.o. sono:

  • non doversi occupare dell’acquisto, del lavaggio, dello stiro e della cura del capo
  • risparmio di spazio nell’armadio di casa
  • possibilità di avere un look diverso ogni giorno con capi sempre alla moda a tua disposizione

Ma sopratutto la filosofia aziendale è improntata sull’ecologismo dell’iniziativa. Come riportato nel comunicato stampa:

L’eco-sostenibilità è un’esigenza a cui siamo chiamati ad operare, modificando le nostre abitudini ed i nostri pregiudizi per far nascere una nuova e consapevole cultura economica. Passare dal consumismo ad una realtà eco sostenibile non è semplice, ma come tutti i cambiamenti, richiede un’analisi personale e di sistema. Il progetto eGo si pone come l’alternativa al sistema consumistico dell’abbigliamento: il concetto di possesso viene trasformato in utilizzo condiviso dando vita così all’era dell’accesso in cui stiamo vivendo.

Ecco quindi a disposizione la possibilità di rinnovare il guardaroba continuamente, al passo con la moda, con una spesa a mio avviso ragionevole: 130,00 € al mese (120,00 € se vi iscrivete entro la fine di marzo). Calcolando che si hanno a disposizione 365 abiti all’anno, si risparmia tempo evitando di fare shopping (che diventerebbe vano  con un  cambio di taglia),  lavare e stirare, la cifra comincia a diventare accettabile.

Inoltre in questi giorni eGo ha appena portato a termine una nuova iniziativa: sette donne sono state  sorteggiate e hanno ricevuto in omaggio 7 abiti della nuova ed esclusiva collezione primavera-estate con il marchio eGo. Questa iniziativa è culminata in una serata evento il 21 Marzo scorso a Milano.

L’iniziativa vi piace e vorreste portarla nella vostra città? eGo vi propone di aprire un negozio in franchising.

Per ulteriori informazioni visitate il sito www.ecologicoguardarobaorganizzato.it .

E voi cosa ne pensate? Lasciate un commento!

7 Comments on "Vestiti in affitto: non lavi, non stiri, cambi abito tutti i giorni!"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. autolavaggio scrive:

    a me sembra un ottima idea, con tutto quello che spendo quando vado a fare shopping 130 non sono tanti

  2. lorenza scrive:

    Vado a vedere sul sito quali sono le proposte, l’idea non è per niente male!!

  3. Gloria scrive:

    I vestiti vengono prima portati in tintoria, lavati e igienizzati. Anche perchè diversamente credo non avrebbero il permesso di tenere questa attività. Ovviamente i gusti sono personali.

    • ivana scrive:

      allora è tutto un altra stria. e se mi piace qualcosa cosi tanto che lo vorrei tenere? speriamo che anche ui arrivi una cosa cosi, ci prendo camicie per marito. mi salverebbe la vita

      • Gloria scrive:

        Se non ricordo male, fanno una specie di “vendita di fine stagione” dei capi della collezione, ma si dovrebbe chiedere a loro per maggiori informazioni. Purtroppo al momento il progetto è rivolto solo alle donne. Se funzionerà lo estenderanno anche a uomini e bambini. Io mi auguro che comincino ad aprire in altre città 🙂

  4. ivana scrive:

    a me l’idea piace tantissimo! pero non mi piacerebbe mettere abiti ch ehanno prtato non so quante altre persone. ci tengo alla mia igene.

  5. Marianna Noto scrive:

    Mi sembra un’ottima idea 😉

Scrivi un commento