Da 8 novembre 2010 0 commenti Leggi tutto →

Video: parto in acqua, come avviene?

ADV


Partorire in acqua può essere un grande aiuto per limitare il dolore, sia nel travaglio che nella fase espulsiva. L’acqua calda infatti agisce sui muscoli rilassandoli e questo aiuta a meglio tollerare le doglie. Inoltre, il peso sulla colonna  vertebrale risulta alleggerito con la conseguenza di alleviare il dolore che normalmente si avverte durante le contrazioni nella zona lombare.

Se la vasca è grande e viene utilizzata nel travaglio, la vasca con l’acqua può essere anche un aiuto nel parto attivo, ovvero dovrebbe permettere alla mamma di cambiare posizione, inginocchiarsi o accovacciarsi, assecondando i segnali che il corpo le invia. Dovrebbe anche essere fatta in modo da permettere al partner o all’ostetrica di massaggiare la schiena della partoriente oppure prevedere un getto di acqua calda da potere direzionare sui lombi della donna durante le contrazioni.

Non è tuttavia necessaria una vasca di quelle che si vedono talora negli ospedali per approfittare dei vantaggi dell’acqua calda. Anche la vasca di casa va benissimo, o in alternativa la doccia,  e può regalare vero sollievo ed aiutare a sbloccare un momento difficile del travaglio.

Non solo il travaglio, ma anche la fase espulsiva può essere affrontata in acqua, se ci sono alcune condizioni di sicurezza che lo permettono. La nascita in acqua è particolarmente dolce per il neonato perché gli permette di non dovere affrontare immediatamente il trauma della forza di gravità sul suo corpo, abituato per nove mesi a galleggiare in un liquido tiepido. Anche la temperatura della acqua della vasca dovrebbe essere 37 gradi, per facilitare un passaggio il più possibile dolce. Non c’è pericolo che il bambino “beva” o soffochi perché ha un naturale istinto all’apnea.

Dal punto di vista materno, il calore dell’acqua aiuta a distendere il perineo e quindi limita il rischio di lacerazioni. Inoltre il benessere normalmente regalato dall’acqua aiuta la donna a respirare bene ed essere più rilassata in tutte le fasi del travaglio e del parto, con positive ricadute sul benessere fetale.

Video a cura di Blogmamma in collaborazione con Openminds corsi pre-parto

Scrivi un commento