foto di p!o via flickr 

Oggi faccio un articolo per parlare di un altro articolo apparso sul numero di “OK salute” di giugno e ne voglio parlare per segnalarvi le bandiere verdi, che sono state istituite l’anno scorso della stessa rivista mensile ma anche perché, leggendo la classifica delle prime venti spiagge italiane che hanno ricevuto il riconoscimento, non ce n’è neanche una in Liguria!

Ma partiamo dall’inizio, le bandiere verdi si rifanno alle più famose “bandiere blu” ma analizzando alcuni parametri dal punto di vista delle famiglie e, soprattutto, dei bambini, quindi vanno ad identificare le migliori spiagge dove portare i nostri figli. L’analisi è fatta da 389 pediatri sparsi per lo stivale, in collaborazione con il mensile “OK salute”, prendendo in considerazione:

• spiaggia con sabbia (e non scogli, ghiaia o ciottoli), arenile ampio, ombrelloni distanziati e dotata di soccorritori

• mare pulito con acqua bassa vicino alla riva

strutture ricettive in prossimità della spiaggia

• adeguato numero di negozi, trattorie, pizzerie e gelaterie dove svagarsi dopo i tuffi

 

Queste le prime dieci spiagge scelte:

1 Ostuni (provincia di Brindisi, in Puglia)

Da segnalare: la costa si estende per venti chilometri in un susseguirsi di baie immerse nel verde, tra scogliere frastagliate e lunghe spiagge di sabbia bianca e finissima.

2 San Teodoro (provincia di Nuoro, in Sardegna)

Da segnalare: circondata dalla macchia mediterranea, la località si affaccia sul mare con 18 spiagge e numerose calette. Il mare, trasparente, è sempre caldo.

3 Cefalù (provincia di Palermo, in Sicilia)

Da segnalare: sotto la fantastica Cattedrale, nel centro della cittadina, si gustano impedibili granite di limone e di gelso.

4 Viareggio (provincia di Lucca, in Toscana)

Da segnalare: due splendide pinete, due aree verdi molto estese, danno la possibilità di fare una passeggiata lontani dal rumore delle macchine, senza allontanarsi dal centro, oppure di fare uno sport all’aperto.

5 Sabaudia (provincia di Latina, nel Lazio)

Da segnalare: non solo il mare, ma anche quattro laghi e il Parco nazionale del Circeo, ricco di specie animali.

6 Riccione (provincia di Rimini, in Emilia Romagna)

Da segnalare: i 135 stabilimenti offrono tutte le mattine lo spettacolo di una spiaggia pulita e ordinata, 41 postazioni di salvataggio vigilano sulla sicurezza dei turisti, un’area è esclusivamente dedicata ai giochi dei bambini.

7 San Benedetto del Tronto (provincia di Ascoli Piceno, nelle Marche)

Da segnalare: il lungomare di palme circonda spiagge di sabbia finissima che degradano dolcemente nel mare dai fondali bassi.

8 Lignano Sabbiadoro (provincia di Udine, in Friuli Venezia Giulia)

Da segnalare: su www.lignano.it è possibile prenotare online l’ombrellone sull’arenile, che si si estende per circa otto chilometri.

9 Nicotera Marina (provincia di Vibo Valentia, in Calabria)

Da segnalare: si possono fare lunghe passeggiate sulla spiaggia fine, nella natura, e se si vuole una gita a Stromboli, a un tiro di schioppo.

10 Jesolo (provincia di Venezia, in Veneto)

Da segnalare: ricchissima di alberghi, appartamenti in affitto e divertimenti di ogni tipo per piccoli e grandi, dal parco acquatico al minigolf.

 

Secondo i pediatri interpellati le spiagge liguri non sono adatte ai bambini perché nei primi venti posti non ne figura neppure una! Io sono ligure e sono rimasta basita da questo risultato.

E’ vero che alcune delle caratteristiche prese in considerazione per stilare la classifica ci penalizzano, ad esempio è raro che in Liguria la riva si estenda per molti metri perché noi abbiamo “lo scalino” dopo pochissimi metri dal bagnasciuga, ma non è una regola e ci sono paesi della costa dove si può camminare per metri e metri con l’acqua alle caviglie e la sabbia fine, mi viene in mente Ceriale dove passavo almeno un mese da bambina perché ci abitavano i miei nonni.

Anche la caratteristica dell’arenile ampio e degli ombrelloni molto distanziati ci penalizza per la nostra conformazione geografica, ma anche questa non è una regola e ci sono posti bellissimi in cui le spiagge sono più ampie ma, malgrado le nostre spiagge piccole al confronto con quelle di altre regioni italiane, siamo riusciti a trovare il posto per moltissimi servizi alternativi per bambini e famiglie, ormai ogni spiaggia ha un campo per il beach volley, molte hanno una piscina ed è nostra la prima spiaggia per cani in Italia,  dove si possono portare sia i bambini sia i nostri quattro zampe e vederli giocare e fare il bagno anche insieme, il Bau Bau Village di Albissola Marina.

Insomma, si sarà capito che non sono molto d’accordo con i pediatri italiani, anche se le mete scelte sono molto famose e rinomate la Liguria mi sembra davvero una mancanza grave, ma intervistare le mamme per una simile classifica non sarebbe stato meglio?